Federalismo, da cedolare perdita gettito 3,38 mld - relazione

martedì 25 gennaio 2011 13:33
 

ROMA, 25 gennaio (Reuters) - Tra minori entrate Irpef, addizionali regionali e comunali, l'introduzione della cedolare secca porterà nel 2011 a un minore gettito in termini di competenza di 3,38 miliardi.

Lo si desume dalla relazione tecnica al decreto sul federalismo municipale depositata oggi in Parlamento.

Sui 3,38 miliardi, 3,187 miliardi sono minor gettito Irpef, 145 milioni di minori addizionali regionali e 48 milioni di minori addizionali comunali.

Il governo ritiene tuttavia che la cedolare secca possa autofinanziarsi portando a un recupero di gettito dovuto all'emersione di affitti in nero per circa 3,414 miliardi.

In termini di cassa l'andamento di entrate e uscite è molto diverso perché tiene conto di diverse stime prudenziali e dell'impatto dovuto al pagamento delle imposte tramite il sistema di acconti. Il risultato dà un minor gettito di 2,41 miliardi nel 2011 e maggiori entrate per 2,902 miliardi con un saldo positivo di 492 milioni.