Manovra, con semestre Ue alto rischio revisione stime-Bankitalia

martedì 18 gennaio 2011 13:52
 

ROMA, 18 gennaio (Reuters) - Con la nuova legge di contabilità che introduce in Italia il semestre di bilancio europeo è prevedibile che il governo debba rivedere "in misura significativa" le stime di crescita economica e di finanza pubblica.

Lo dice il capo del servizio studi di struttura economica e finanziaria della Banca d'Italia, Daniele Franco, nel corso di un'audizione alla Camera.

Via Nazionale parte dall'assunto che la nuova legge di contabilità prevede un ampliamento dell'intervallo fra la fissazione degli obiettivi di finanza pubblica (aprile) e la definizione della manovra di bilancio (ottobre).

Nell'ultimo ventennio, spiega Franco, "il divario fra le previsioni macroeconomiche primaverili e quelle autunnali è stato significativo, in alcuni anni anche molto elevato".

"È quindi prevedibile che in futuro il governo debba rivedere in misura significativa le stime sull'andamento dei conti pubblici riportate ad aprile nel Def [Documento economico finanziario] con la Nota di aggiornamento di settembre, alla luce delle modifiche del quadro macroeconomico", aggiunge il dirigente di Bankitalia.

"Va rilevato che un punto di crescita in più o in meno determina, in linea generale, un disavanzo inferiore o superiore di circa mezzo punto percentuale del Pil".

Secondo Franco, "il controllo della spesa avrà un ruolo chiave nel conseguimento degli obiettivi fissati per l'indebitamento netto e per il debito e nel mantenimento di finanze pubbliche solide e sostenibili".

(Giuseppe Fonte)