Cina chiede assicurazioni su sicurezza asset in dollari

mercoledì 12 gennaio 2011 08:54
 

PECHINO, 12 gennaio (Reuters) - La Cina auspica che le vengano date assicurazioni sulla sicurezza delle proprie attività finanziarie negli Stati Uniti.

Lo ha detto un alto diplomatico prima della visita del Presidente Hu Jintao la prossima settimana.

Il vice ministro degli Esteri cinese Cui Tiankai ha detto che la Corea del Nord e altri paesi che necessitano di cooperazione tra i due giganti mondiali arriveranno nel corso del viaggio di Hu del 18-21 gennaio. Hu avrà un summit con il presidente Barack Obama il 19 gennaio.

Mentre Obama può premere su Hu circa i controlli sullo yuan cinese, Cui ha detto che Pechino è preoccupata per le enormi partecipazioni al debito del tesoro Usa.

La Cina ha accumulato le maggiori riserve mondiali di valuta estera che ammontano a 2.850 miliardi dollari, circa due terzi dei quali sono investiti in attività negli Stati Uniti.

La Cina cerca regolarmente garanzie sulla sicurezza dei suoi investimenti americani prima di ogni incontro formale di alto livello con gli Stati Uniti.

Infatti, per due anni consecutivi, il premier cinese Wen Jiabao ha usato la conferenza stampa più importante dell'anno per dire che è preoccupato per la sicurezza degli investimenti cinesi negli Stati Uniti.

Il deficit commerciale politicamente sensibile tra le due maggiori economie del mondo si è ampliato del 26% nel 2010 a 181 miliardi dollari a favore della Cina, secondo dati cinesi di questa settimana.

Il crescente divario fornisce materia ai critici dello strettamente controllato regime valutario di Pechino i quali ritengono che la Cina mantiene sottovalutato lo yuan per dare ai suoi esportatori un vantaggio sleale.