Banca centrale Svizzera, stop a bond Irlanda come collaterale

mercoledì 5 gennaio 2011 10:17
 

ZURIGO, 5 gennaio (Reuters) - La Banca centrale svizzera (Snb) ha cessato di accettare titoli di Stato irlandesi come collaterale nelle sue operazioni di mercato monetario.

Una lista di cambiamenti ai bond utilizzabili come garanzia nelle operazioni della Snb mostra che la banca centrale ha escluso i titoli di Stato irlandesi denominati in euro dal 21 dicembre scorso.

"Non soddisfano più i criteri qualitativi", ha detto il portavoce Snb Werner Abegg.

Le linee guida della Snb sul collaterale richiedono che i titoli denominati in valuta estera abbiano un rating minimo di AA-/Aa3, anche se i bond emessi da paesi sovrani e banche centrali possono essere esentati da questo requisito.

Secondo le informazioni contenute nel sito della Snb la banca centrale svizzera ha cessato di accettare titoli di Stato greci lo scorso aprile.

Ieri, parlando al quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung, un manager di Pimco, uno dei maggiori fondi di investimento in obbligazionario a livello mondiale, ha detto che l'investitore istituzionale prevede una riduzione dei propri investimenti nel debito per i paesi della zona euro in crisi. Per Andrew Bosomworth di Pacific Investment Management Co quello che bisogna chiedersi non è se, ma quando.