PUNTO 3-Premafin, accordo su debito, CS amplia consorzio aumento

mercoledì 22 dicembre 2010 19:17
 

(riscrive, aggiunge nota, dettagli)

MILANO, 22 dicembre (Reuters) - Premafin PRAI.MI chiude la partita sul riscadenziamento del debito da 322,5 milioni di euro, mentre si completa un tassello importante per l'aumento di capitale della holding con la formazione del consorzio di garanzia da parte di Credit Suisse CSGN.VX.

Il nuovo accordo che rimodula il contratto di finanziamento siglato il 22 dicembre 2004 prevede la sospensione delle rate della linea Term Loan A che scadono a fine 2010 e fine 2011 e la riduzione rispettivamente a 15 e 35 milioni di quelle a fine 2012 e fine 2013, spiega una nota.

A garanzia dell'operazione il pegno sull'intero pacchetto di azioni ordinarie Fonsai FOSA.MI in mano a Premafin. La liberazione delle azioni in pegno potrà avvenire in relazione all'andamento dei corsi di borsa del titolo Fonsai e del margine di solvibilità del gruppo Fondiaria-Sai.

L'accordo originario prevedeva il pegno di una parte delle azioni Fonsai ma anche dei covenant legati all'andamento dei corsi di borsa. Con la nuova formulazione il pegno riguarda l'intero pacchetto, anche post aumento di capitale, ma scompaiono i covenant, come spiega una fonte vicina alla situazione.

Sempre in base all'accordo con l'esecuzione dell'aumento Premafin è previsto un ulteriore rimborso entro il 30 giugno 2011 di 40 milioni della linea Term Loan A e di 10 milioni di quella Revolving B, quest'ultima però riutilizzabile fino alla scadenza del finanziamento prevista il 31 dicembre 2014.

Infine, in caso di mancata esecuzione dell'aumento, si attiva una nuova linea di credito revolving da 15 milioni.

Le banche finanziatrici sono sette: UniCredit (CRDI.MI: Quotazione), Mediobanca (MDBI.MI: Quotazione), Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione), Bpm (PMII.MI: Quotazione), Banco Popolare (BAPO.MI: Quotazione), Cariparma e Interbanca.   Continua...