22 dicembre 2010 / 15:58 / 7 anni fa

PUNTO 1-Aumenti capitale Premafin, Fonsai, chiusi consorzi-fonte

MILANO, 22 dicembre (Reuters) - Credit Suisse CSGN.VX ha chiuso il processo di formazione dei consorzi di garanzia per gli aumenti di capitale di Premafin PRAI.MI e Fondiaria-Sai FOSA.MI che saranno composti da Equita sim, Banca Akros <PMII.MI, Rbs (RBS.L) e Kbw.

Lo riferisce una fonte vicina alla situazione confermando indiscrezioni dei quotidiani.

"Il consorzio è stato formato" dice la fonte.

E' stato anche siglato - spiega la fonte - l'accordo tra Premafin e le banche per il riscadenziamento del debito di 322 milioni che vede tra le principali creditrici UniCredit (CRDI.MI) e Mediobanca (MDBI.MI).

A fine ottobre Premafin ha siglato un accordo con Groupama, poi rivisto il 22 novembre, per l'ingresso dei francesi nel capitale della holding tramite un aumento di capitale da 225,7 milioni, il cui prezzo di sottoscrizione sarà da determinare in funzione delle condizioni di mercato. Groupama, investendo complessivamente 145,7 milioni, acquisterà parte dei diritti di voto spettanti alla famiglia Ligresti arrivando a detenere post aumento il 17,1%. Le holding della famiglia Ligresti avranno invece post-aumento circa il 34,2%.

Inizialmente era stato fissato un prezzo di sottoscrizione per l'aumento di capitale pari a 1,1 euro, ma il calo del titolo in borsa stabilmente sotto questa soglia - oggi quota in area 0,775 euro - rendeva difficile l'adesione dei soci di minoranza, oltre che poco conveniente l'operazione nel suo complesso anche per Groupama.

Proprio per questo motivo la formazione di un consorzio di garanzia è fondamentale per il successo dell'operazione.

Anche Fonsai lancerà un aumento di capitale fino a 460 milioni e Premafin si è già impegnata a sottoscrivere almeno 100 milioni di euro.

L'assemblea di Premafin per il varo dell'operazione è convocata il 13 e il 25 gennaio, quella di Fondiaria-sai il 25 e il 26 gennaio.

Le due operazioni sono cruciali per la famiglia Ligresti alle prese con difficoltà finanziarie.

Fonsai ha infatti già annunciato che per questo esercizio non distribuirà alcun dividendo dopo aver chiuso i primi nove mesi con un rosso di 431,4 milioni di euro a causa di forti svalutazioni. La compagnia ha già effettuato alcune dismissioni immobiliari e ne ha in cantiere delle altre.

Premafin ha chiuso i primi nove mesi con una perdita di 144,6 milioni.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below