Iran, Intesa SP sospende finanziamenti per trading greggio-fonti

lunedì 20 dicembre 2010 17:09
 

LONDRA, 20 dicembre (Reuters) - Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) ha sospeso i finanziamenti per gli scambi di greggio iraniano.

La banca italiana è l'ultima a piegarsi alle pressioni degli Usa a tagliare i legami con la Repubblica Islamica, spiegano fonti del trading a Reuters.

"Li hanno interrotti dal mese scorso. Erano l'ultima banca italiana disponibile per il greggio iraniano. Penso che la gente adesso dovrà guardare altrove per i finanziamenti ora. Forse in Cina. Ma diventa sempre più difficile", spiega una delle fonti.

Intesa Sanpaolo non ha commentato.

Tra i compratori regolari di greggio iraniano sono rimaste quest'anno società italiane e spagnole così come Royal Dutch Shell (RDSa.L: Quotazione) anche se i trader ritengono che i volumi possano contrarsi quest'anno sulle pressioni della comunità internazionale.

Eni (ENI.MI: Quotazione) ha dichiarato che continuerà a ricevere greggio iraniano per almeno altri tre anni in quanto Teheran deve al colosso petrolifero italiano circa 1 miliardo di dollari relativo a deal dell'ultima decade.

L'Iran è uno dei principali esportatori e la sua produzione è circa il 4,2% della domanda mondiale giornaliera.