Btp in calo, rating Irlanda e rialzo Treasury pesano su spread

venerdì 17 dicembre 2010 12:38
 

 MILANO, 17 dicembre (Reuters) - Sono ancora le vendite,
sebbene contenute, a dominare il mercato obbligazionario
italiano questa mattina, con sensibile allargamento dello spread
su Bund.
 Il downgrade dell'Irlanda operato da Moody's pesa su tutto
il segmento periferico del debito, dando sostegno ai titoli
tedeschi, favoriti anche dal rimbalzo, nelle ultime ore, dei
Treasuries.
 "Il driver della giornata è senza dubbio il tono di mercato
che abbiamo visto negli Usa ieri e stanotte" spiega Cyrill
Beuzit, strategist di Credit Agricole.
 Secondo il trader di una banca italiana "il declassamento
dell'Irlanda provoca una situazione di debolezza generalizzata
per la periferia, senza gorsse differenziazioni, a fine anno i
giochi sono fatti, c'è poca liquidità e poca voglia di prendere
rischi".
 Lo spread sul decennale tra Btp e Bund ha oscillato in un
range piuttosto stretto, collocandosi a fine mattinata, su
piattaforma Tradeweb IT10YT=TWEB DE10YT=TWEB, in area 161
punti base, contro i 154 della chiusura di ieri.
 "A livello di curva siamo sostanzialmente sui termini di
inclinazione di ieri" prosegue il trader.
 
 DOWNGRADE IRLANDA PESA SU PERIFERIA
 In allargamento ancora più netto lo spread Irlanda-Germania
IE10YT=TWEB DE10YT=TWEB, in area 572 punti base, oltre 30 in
più di ieri.
 Moody's questa mattina ha tagliato il rating del Paese di
ben cinque notch a Baa1 da Aa2, aggiungendo che ulteriori
declassamenti potrebbero seguire.
 "È stato un taglio importante, sicuramente non una sorpresa,
il rating era ingustificato" prosegue il trader.
 La settimana scorsa era stata Fitch la prima agenzia a
privare Dublino della classe A di rating, portandolo a 'BBB+'
dopo la richiesta da parte del governo del pacchetto di
salvataggio di Ue e Fmi.
 "Il downgrade irlandese dà una spinta ulteriore al mercato
in una direzione sfavorevole alla periferia, ma va detto che non
ci sono volumi" afferma l'operatore di una banca tedesca.
 
 MECCANISMO DI SALVATAGGIO
 Non sembra d'altra parte avere avuto un effetto di mercato
apprezzabile la notizia dell'accordo raggiunto in sede europea
per per la creazione del meccanismo permanente di salvataggio
finanziario a partire dalla metà del 2013. 
 L'annuncio è arrivato ieri sera al termine della prima
giornata del vertice del Consiglio europeo di Bruxelles, che
terminae oggi.
 "I leader europei si sono messi d'accordo sul fatto che ci
sarà questo meccanismo ma d'altra parte non si sa niente di come
finzionarà" aggiunge l'operatore tedesco.
 
============================ 12,30 =============================
                                PREZZI   VAR.     RENDIMENTO
FUTURES BUND MARZO 11FGBLc1      124,44  (+0,58) 
FUTURES BTP MARZO 11 FBTPH1      110,20  (inv. ) 
BTP 2 ANNI (DIC 12) IT2YT=TT      98,96  (-0,10)      2,551%
BTP 10 ANNI (MAR 21) IT10YT=TT    93,43  (-0,07)      4,615%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=RR    95,45  (-0,61)      5,375%
 
======================== SPREAD (PB) =========================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        41                 51
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       149                143
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       161                157
-livelli minimo/massimo           159,2-163,2       152,2-159,4
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      161                154
-livelli minimo/massimo           159,5-162,2        151,8-162,8
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       186                182 
BTP 2/10 ANNI                         206,4              210,8 
BTP 10/30 ANNI                         76,0               --  
===============================================================