SCHEDA - Ue, i temi sul tavolo al Consiglio del 16 e 17 dicembre

martedì 14 dicembre 2010 19:27
 

14 dicembre (Reuters) - Giovedì 16 e venerdì 17 dicembre tornerà a riunirsi il Consiglio europeo per discutere del nuovo meccanismo di gestione della crisi di uno Stato sovrano che sarà operativo dal 2013.

Sebbene non ci si aspettino decisioni formali, i capi di Stato e di governo europei discuteranno anche di quali mosse prendere per evitare che la crisi dei debiti pubblici europei si intensifichi, dati i timori sul rischio di contagio da Grecia e Irlanda a Portogallo e Spagna.

Di seguito una sintesi di cosa è stato deciso prima del summit, cosa c'è formalmente in agenda e altri temi che potrebbero essere sul piatto.

LE MODIFICHE AL TRATTATO EUROPEO

I leader europei dovranno decidere come modificare il Trattato europeo di Lisbona, che è entrato in vigore un anno fa, per aggiungere all'articolo 136 questo principio: "Gli Stati membri la cui valuta è l'euro possono creare un meccanismo di salvaguardia della stabilità dell'euro. Il riconoscimento di assistenza in base a questo meccanismo sarà soggetto a precise condizioni".

Tre mesi fa una simile regola sarebbe parsa impensabile, ma dopo l'accordo fra Francia e Germania di ottobre a Deauville, questa ipotesi di modifica al Trattato ha via via preso spessore.

Il nuovo principio dovrebbe avere il via libera formale nel mese di marzo 2011, con la ratifica da parte di tutti i 27 Paesi membri entro fine 2012. In tempo quindi per l'entrata in vigore dal primo gennaio 2013.

Secondo alcuni alti funzionari ed esperti di diritto comunitario, poiché la modifica al Trattato è di piccola entità ed è assunta attraverso una procedura semplificata, nessuno Stato membro dovrebbe indire un referendum per ratificarla, rendendo più facile il processo di recepimento negli ordinamenti nazionali.   Continua...