PUNTO 1 - Ue, Italia può reggere criterio debito - Bankitalia

venerdì 10 dicembre 2010 14:51
 

* Proposta su debito non richiede sforzi superiori a attuali

* Bene coinvolgere privati in perdite bond

* Forme emissioni titoli europei potrebbero essere utili

(Aggiunge altre dichiarazioni Visco e contesto)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 10 dicembre (Reuters) - L'Italia può sostenere l'introduzione di un criterio numerico di riduzione del debito pubblico.

Lo ha detto il vice direttore generale della Banca d'Italia, Ignazio Visco, commentando l'ipotesi di riforma del Patto di stabilità che i capi di Stato e di governo stanno negoziando in queste settimane.

"L'introduzione di una regola numerica sul debito non richiede all'Italia sforzi superiori a quelli già significativi imposti dal conseguimento nel medio termine di un saldo strutturale prossimo al pareggio, che da lungo tempo rappresenta l'obiettivo, ancorché non realizzato, della politica di bilancio italiana", ha detto Visco in un'audizione in Parlamento. Visco ha sottolineato che per l'Italia l'obiettivo del pareggio del bilancio e la riduzione del debito richiederanno "un forte rallentamento della spesa" per liberare potenzialità di crescita.   Continua...