PUNTO 2 - Premafin, FonSai balzano su ricoperture dopo minimi

giovedì 9 dicembre 2010 18:44
 

(aggiunge nota Premafin in secondo paragrafo)

MILANO, 9 dicembre (Reuters) - Nella seduta borsistica odierna Premafin PRAI.MI e Fondiaria-Sai FOSA.MI mettono a segno importanti rialzi grazie a ricoperture dopo i recenti minimi.

Sui vari fronti che interessano la holding e la compagnia fiorentina non si registrano infatti novità di rilievo. Una fonte vicina alla holding dice che Premafin non è conoscenza di novità o notizie tali da giustificare l'andamento del titolo negli ultimi giorni, posizione poi ribadita in serata da una nota diffusa su richiesta della Consob.

La compagnia fiorentina, da parte sua, come di abitudine non commenta l'andamento anomalo del titolo.

I legali Premafin sono ancora al lavoro per preparare il quesito da sottoporre a Consob sull'esenzione dall'Opa di Groupama a seguito del suo ingresso nella holding. Il quesito potrebbe essere consegnato domani 10 o lunedì 13 dicembre, difficilmente già in serata, salvo accelerazioni improvvise, spiega una fonte vicina alla situazione.

Proprio l'esenzione dall'obbligo di Opa su Premafin e le controllate Fondiaria-Sai e Milano Assicurazioni ADMI.MI è la condizione posta dal gruppo francese per la chiusura dell'operazione di ricapitalizzazione della holding della famiglia Ligresti.

Su questo fronte il valore del titolo Premafin è poi una variabile fondamentale. Oggi ha chiuso a 0,815 con un rialzo del 13,99%. Martedì 7 il titolo aveva toccato un minimo a 0,693 euro. Fondiaria Sai ha invece chiuso a 6,3 euro in rialzo del 5,53%. Per entrambe volumi circa tre volte la media.

I continui ribassi hanno già costretto Premafin a rimodulare i termini dell'accordo con Groupama che prevedevano originariamente un prezzo per l'aumento di capitale di 1,1 euro per azione, talmente superiore ai corsi di borsa da non garantire l'adesione anche dei soci di minoranza e rendere difficile anche la formazione di un consorzio bancario di garanzia.   Continua...