Zona euro, mercati debito delusi da Eurogruppo interlocutorio

martedì 7 dicembre 2010 12:31
 

* Mercati debito delusi da mancanza nuove azioni Ue

* Eurogruppo ha respinto ipotesi aumento fondo salvataggio

* Fredda accoglienza per proposta bond congiunto zona euro

* Stark esclude aumento acquisti bond da Bce

BRUXELLES/LONDRA, 7 dicembre (Reuters) - I mercati del debito per i titoli di Stato della zona euro rimangono all'erta dopo che ieri notte i ministri finanziari dell'euro hanno respinto l'idea di aumentare le risorse del fondo di salvataggio European financial stability facility (Efsf).

Niente di fatto anche per la proposta, presentata ieri sul Financial Times dal ministro dell'Economia italiano Giulio Tremonti e dal presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker, di emissioni obbligazionarie congiunte per tutti i paesi della zona euro. Il lancio di questi E-bond non è stato discusso ieri sera dai sedici della zona euro, "perchè non era un punto dell'agenda", ha detto Juncker. Germania e Austria non hanno perso occasione, però, di sottolinearne gli elementi problematici della proposta, mentre la Commissione e alcuni paesi mediterranei si sono mostrati più aperti, rimandando, però, la discussione.

I mercati, che speravano in nuove misure per porre fine alle paure di contagio per i bond della zona euro, stamane confermano livelli elevati di premio per il rischio sui titoli di Spagna e Portogallo. I differenziali sono comunque al di sotto dei massimi della scorsa settimana.

"Non abbiamo nessuna decisione da annunciarvi" ha detto ieri notte ai giornalisti Juncker al termine dell'Eurogruppo.   Continua...