Btp in netto calo, spread a nuovi record su timori debito Ue

martedì 30 novembre 2010 13:03
 

 MILANO, 30 novembre (Reuters) - Btp sotto forte pressione,
in particolare sulla parte breve della curva, in una mattinata
ancora dominata dalle paure di propagazione della crisi
finanziaria all'interno della zona euro. Paure che non hanno
trovato alcun sollievo nel lancio, durante il fine settimana,
del pacchetto di salvataggio dell'Irlanda da 85 miliardi.
 Lo spread Italia-Germania sale a nuovi record
dall'introduzione dell'euro, sfiorando quota 220, dopo aver
violato ieri per la prima volta la barriera dei 200 punti base. 
 "La mattinata è stata catastrofica, poi ci siamo un po'
ripresi, indubbiamente c'è stato un attacco speculativo contro
l'Italia", spiega un trader.
 E sotto tiro, insieme all'Italia, c'è la Spagna: secondo il
segretario all'economia Manuel Campa, costi di finanziamento del
debito che dovessero confermarsi su tali livelli sarebbero un
elemento di preoccupazione.
 "La situazione è preoccupante perchè la Spagna è
probabilmente troppo grande per essere salvata, e l'Italia lo è
di sicuro" spiega Everett Brown di Ideaglobal. "Nel breve non
c'è molto che la politica possa fare, se gli spread continuano
ad aumentare qualche rischio di implosione dell'euro esiste,
dopo quello che abbiamo visto negli ultimi anni non si può
escludere niente".
 A fine mattinata, il differenziale di rendimento tra Btp e
Bund decennali, su piattaforma Tradeweb IT10YT=TWEB
DE10YT=TWEB, tratta in area 207-208 punti base contro i 197
della chiusura di ieri. 
 "Tra ieri e oggi le vendite hanno colpito soprattuto le
scadenze 2012-2013, anche se poi hanno recuperato qualcosina a
fine mattinata, mentre il 30 anni sta tenendo relativamente
meglio", spiega ancora il trader. 
 Stamane lo spread ha toccato i 219,7 punti base, mai così in
alto dalla nascita dell'euro, con il rendimento sul 10 anni
italiano in avvicinamento alla soglia del 5%.
 "In realtà il rendimento in sè non mi spaventa, non è del
tutto irrazionale, siamo ai livelli di un anno e mezzo fa; la
grossa differenza l'hanno fatta i rendimenti tedeschi" aggiunge
il trader.
 Record dall'introduzione dell'euro anche per lo spread
spagnolo ES10YT=TWEB DE10YT=TWEB che ha toccato i 313 punti
base.
 "Per ora non c'è evidenza di un intervento della Bce per
acquistare titoli italiani o spagnoli" afferma lo strategist di
Unicredit Luca Cazzulani.
 Ma è tutto il segmento periferico ad essere attraversato da
forti tensioni: prosegue l'ondata di vendite iniziata già ieri,
con gli operatori che si riposizionano compattamente sul Bund
tedesco.
 Lo spread Irlanda-Germania IE10YT=TWEB DE10YT=TWEB è
giunto al record di 708 punti base è invece giunto 
 
=========================== 12,45 =============================
                                PREZZI   VAR.     RENDIMENTO
FUTURES BUND DIC.    FGBLc1      127,68  (+0,61) 
FUTURES BTP DIC.     FBTPZ0      110,96  (-0,36) 
BTP 2 ANNI (DIC 12)  IT2YT=TT     97,68  (-0,71)      3,204%
BTP 10 ANNI (MAR 21) IT10YT=TT    92,27  (-0,93)      4,764%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=TT    95,33  (-0,78)      5,383%
======================== SPREAD (PB) =========================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        12                 11
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       222                193
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       198                191
-livelli minimo/massimo           197,2-212,5       164,9-194,2
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      207                197
-livelli minimo/massimo           205,3-219,7       171,1-201,1
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       223                212 
BTP 2/10 ANNI                         156,0              180,9 
BTP 10/30 ANNI                         61,9               68,7 
===============================================================