Btp in calo ma spread contenuto,Italia meglio di altre periferie

giovedì 25 novembre 2010 17:37
 

 MILANO, 25 novembre (Reuters) - I benchmark italiani
archiviano in calo una seduta caratterizzata da pochi scambi per
via della festa del ringraziamento Usa e da una debolezza
generalizzata dei titoli di stato che ha colpito anche i 'core'.
 Appaiono quindi in calo anche i Bund, sotto pressione per le
implicazioni finanziarie che ulteriori salvataggi potrebbero
avere per gli emittenti 'core' e appesantiti anche dai recenti
buoni dati macro.
 "L'Italia è uno dei paesi periferici che fa meglio" dice
Chiara Cremonesi, strategist di Unicredit Mib. "È evidente ad
esempio nel confronto con la Spagna, che ha nettamente
sottoperformato". 
 La percezione di una maggiore sicurezza riguardo all'Italia
è stata confermata oggi da Moody's che in un'intervista a
Reuters ha escluso la presenza di presupposti per un contagio
[nLDE6AO1K8].
 I periferici in genere restano comunque in una situazione
delicata per il crescente timore di contagio dall'ancora acuta
crisi del debito irlandese, ma anche il paese 'core' per
eccellenza, la Germania, risente dei timori. 
 "Se tutto va male e ci sarà bisogno di molti più soldi, ci
sarà un impatto sulla Germania, inoltre le sue banche hanno una
grossa esposizione, e per questo non vediamo i tipici flussi
'flight-to-quality' che ci si aspetterebbe" dice un trader.
 
 ASTA BOT E CTZ CONFERMA COMPORTAMENTO 'SEMI-CORE' ITALIA
 Il collocamento del Tesoro italiano di titoli a brevissimo
ha registrato una buona domanda, il che conferma che l'Italia si
differenzia dagli altri periferici, comportandosi di fatto come
un 'semi-core'. 
 "L'interesse per l'asta ha confermato che l'Italia gode di
uno status diverso, migliore rispetto agli altri periferici"
dice una trader.
 Il Bot a 6 mesi, offerto e collocato per 8,5 miliardi contro
i 9,35 miliardi in scadenza, è stato assegnato a un tasso di
1,483% dal precedente 1,203%. Il bid-to-cover è risultato pari a
1,631.
 Il Ctz, offerto e collocato per 2 miliardi ha visto un tasso
in rialzo a 2,307% da 1,767% con un rapporto domanda-offerta
pari a 1,827.
 
=========================== 17,30 =============================
                                PREZZI   VAR.     RENDIMENTO
FUTURES BUND DIC.    FGBLc1      127,25  (-0,47) 
FUTURES BTP DIC.     FBTPZ0      113,14  (-0,46) 
BTP 2 ANNI (LUG 12)  IT2YT=TT     98,98  (-0,23)      2,525%
BTP 10 ANNI (SET 20) IT10YT=TT    97,51  (-0,64)      4,361%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=TT    98,56  (-0,81)      5,158%
======================== SPREAD (PB) =========================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        27                 25
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       157                148
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       163                162
-livelli minimo/massimo           157,4-171,9       160,0-179,1
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      175                170
-livelli minimo/massimo           166,0-179,1       168,4-186,3
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       192                193 
BTP 2/10 ANNI                         183,6              181,1 
BTP 10/30 ANNI                         79,7               82,6 
===============================================================