Banca di Cina si prepara a frenare crescita credito

mercoledì 24 novembre 2010 12:03
 

PECHINO, 24 novembre (Reuters) - Banca di Cina utilizzerà gli strumenti di politica monetaria a sua disposizione per riportare su un sentiero di normalità la crescita di moneta e credito. A dirlo è il vice governatore della banca centrale Hu Xiaolian. Secondo Hu la Banca popolare cinese utilizzerà sia gli strumenti di prezzo - solitamente in questo modo si indicano i tassi di interesse - che quelli quantitativi nella restante parte dell'anno per rallentare la crescita del credito.

Mantenere i nuovi prestiti entro il target 2010 della banca centrale pari a 7.500 miliardi di yuan sarà una sfida, ha spiegato Hu.

La Cina, anche a riflesso delle aspettative di apprezzamento dello yuan, si trova ad affrontare un aumento dei flussi di capitale in ingresso nel Paese e questo spinge al rialzo i prezzi di beni e attività, ha detto Hu.

Secondo due fonti bancarie gli istituti di credito cinesi hanno erogato 400 miliardi di yuan in nuovo credito nelle prime tre settimane di novembre e questo porta il sistema vicino al target dell'intero anno pari a 7.500 miliardi di yuan.

Nei primi dieci mesi dell'anno, infatti, le banche cinesi hanno prestato 6.880 miliardi di yuan, per cui mancano solo 620 miliardi per raggiungere la quota annuale prevista.