Gb verso prestito bilaterale a Irlanda da miliardi di sterline

lunedì 22 novembre 2010 09:56
 

LONDRA, 22 novembre (Reuters) - La Gran Bretagna sta considerando un prestito bilaterale all'Irlanda per dare il suo contributo alla risoluzione della crisi finanziaria, tuttavia non vuole prendere parte al meccanismo permenente di salvataggio.

Lo ha detto George Osborne, ministro delle Finanze inglese, aggiungendo che si tratterà di un prestito bilaterale dell'ammontare di miliardi di sterline e non di decine di miliardi di sterline.

"Quello che ci siamo impegnati a fare è di essere ovviamente partner come azionisti del Fmi, in un soccorso internazionale dell'economia irlandese" ha detto Osborne alla BBC Radio 4.

"Abbiamo anche assunto un impegno a prendere in considerazione un prestito bilaterale, che rifletta il fatto che noi non facciamo parte dell'euro ... ma l'Irlanda è il nostro vicino di casa economico".

Ad Osborne è stato chiesto un commento circa l'ipotesi che la Gran Bretagna abbia intenzione di contribuire per circa sette miliardi di sterline.

"E 'intorno a quella (cifra), è nell'ordine di miliardi, non di decine di miliardi, ma i dettagli del pacchetto intero, non solo del contributo del Regno Unito, ma di quello di Fmi e zona euro, è tutto in corso di elaborazione e i dettagli si avranno verso la fine del mese".

Osborne ha detto che la Gran Bretagna non sarebbe tenuta a fornire ulteriore aiuto all'Irlanda o a qualsiasi altro paese della zona euro che ha difficoltà.

"Se guardiamo al meccanismo di salvataggio permanente, di sicuro la Gran Bretagna non ne farà parte, perché non fa parte dell'euro".