18 novembre 2010 / 12:01 / 7 anni fa

PUNTO 3 - Irlanda si aspetta mega-loan da Ue/Fmi -banca centrale

(aggiunge dichiarazioni Fmi su timing, al terzo paragrafo)

DUBLINO, 18 novembre (Reuters) - Un eventuale aiuto all‘Irlanda da parte di Unione europea e Fondo monetario internazionale sarebbe ampio, nell‘ordine di decine di miliardi di euro, e il fondo europeo Efsf applicherebbe a un prestito un tasso analogo a quelli solitamente richiesti dall‘Fmi.

A dirlo è il governatore di Banca d‘Irlanda, Patrick, Honohan, nel giorno dell‘arrivo nell‘isola dei tecnici di Ue, Bce e Fmi che, secondo un funzionario del governo irlandese continueranno fino alla prossima settimana.

Una portavoce del Fmi ha detto stasera che la delegazione del Fondo, guidata da Ajai Chopra e composta da 10/12 persone, tra cui esperti del settore bancario, inizierà domani i lavori in Irlanda.

Il piano quadriennale sui conti pubblici di Dublino è atteso circa a metà della prossima settimana.

“L‘intenzione è, e ci si aspetta da parte loro e personalmente da parte mia, che le trattative o le discussioni siano efficaci e un prestito sarà reso disponibile e vi si farà ricorso se necessario” ha detto Honohan all‘emittente di stato RTE.

“Stiamo parlando di un prestito certamente molto rilevante - sì, decine di miliardi ” ha detto Honohan, riconoscendo che ci sono stati consistenti uscite di fondi dal settore bancario irlandese a partire dal mese di aprile.

Successivamente il ministro delle Finanze Brian Lenihan ha risposto che l‘Irlanda non è ancora al punto da dover ricevere un sostanzioso prestito internazionale.

Dopo 10 giorni di perdite, le borse europee .FTEU3, i mercati obbligazionari <GVD/EUR> e l‘euro EUR= hanno recuperato lievemente sulle aspettative che l‘Irlanda potrebbe diventare il secondo paese della zona euro dopo la Grecia a ricevere un salvataggio in extremis per far fronte agli elevati debito e deficit.

Il costo del debito di Dublino è schizzato ai massimi dalla fine di ottobre per i timori delle enormi passività delle banche e la Ue, guidata dalla Germania, ha messo a punto un sistema di ristrutturazione dei debiti degli stati della zona euro.

“In qualche modo il mercato sta anticipando (un salvataggio), ma una volta che l‘accordo ci sarà penso che vedremo questi spread rientrare” ha detto Nick Stamenkovic, strategist del mercato obbligazionario di RIA Capital Markets a Edimburgo.

Fonti comunitarie hanno detto a Reuters che l‘Irlanda potrebbe aver bisogno di aiuti tra 45 e 90 miliardi di euro, a seconda che si tratti di un aiuto per le sole sue banche o per il debito pubblico.

Con i negoziati potenzialmente in vista, la Francia ha detto che l‘Irlanda potrebbe aver bisogno di alzare le tasse sulle imprese dall‘attuale livello ultra-basso del 12,5% - un tabù per la politica irlandese - in cambio del pacchetto di aiuti [ID: nLDE6AH0BH].

Il ministro delle Finanze francese Christine Lagarde ha detto che la tassazione delle imprese irlandese è insolitamente bassa per gli standard europei, mentre le imposte sul reddito sono sostanzialmente in linea con la media europea.

“Quindi dovremo vedere come queste tasse (corporate) possono essere cambiate senza appesantire l‘economia irlandese e allontanare gli investitori” ha detto alla radio France-Inter.

Paesi con tassazioni maggiori, comprese Gran Bretagna, Germania e Francia, hanno visto per lungo tempo il tasso irlandese come una forma di concorrenza sleale.

PER O‘LEARY DI RYANAIR PAESE “IN BANCAROTTA”

Il primo ministro irlandese Brian Cowen ha ripetutamente respinto indicazioni circa il fatto che il suo governo stia discutendo un piano di salvataggio che porrebbe le finanze pubbliche sotto controllo di Ue-Fmi.

Il ministro delle Finanze Brian Lenihan ha sottolineato, dopo colloqui con i colleghi europei, che l‘imposta irlandese sulle imprese è “sicura”.

Uno degli uomini d‘affari più importanti del paese, l‘amministratore delegato della compagnia aerea Ryanair, Michael O‘Leary, ha detto che il governo è stato incapace di gestire l‘economia e l‘Irlanda dovrebbe accogliere con favore la messa sotto amministrazione del Fmi il più presto possibile.

“Il paese è in bancarotta. Ora dobbiamo salvarlo. Il governo ci ha mentito tutta la settimana. Quando i titoli di Stato irlandesi hanno mostrato un rendimento di quasi il 9% mentre si può prendere a prestito dal Fmi al 3% ... l‘unica strada è il Fmi, e francamente prima è meglio è” ha detto O‘Leary ai giornalisti a Dublino.

Lenihan ha detto che i partner della zona euro avevano accolto con favore il suo piano quadriennale con tagli per 15 miliardi di euro, che dovrebbero essere pubblicati la prossima settimana, il che voleva dire che non vedeva la necessità di un ulteriore inasprimento fiscale [ID: nLDE6AG0GB].

Lenihan ha inoltre affermato che l‘Irlanda prolungherà fino alla fine del prossimo anno il propro programma di garanzie bancarie. Le autorità di Dublino evevano inizialmente indicato che le garanzie pubbliche sulle passività delle banche sarebbero state estese solo fino alla fine di giugno.

L‘Irlanda ha detto che il disegno di legge per risistemare le banche potrebbe raggiungere i 50 miliardi di euro, ma gli investitori temono che la cifra finale potrebbe essere addirittura superiore visto l‘aumento dei mutui residenziali arretrati, i deflussi di depositi e i costi di finanziamento più elevati [ID: nLDE6AB0CV].

Secondo alcuni analisti, sembra che Dublino voglia prender tempo anche per evitare l‘umiliazione politica di prendere aiuti prima della data chiave elettorale del 25 novembre.

Un sondaggio d‘opinione indica come il partito ‘Fianna Fail’ di Cowen sia destinato a perdere quel voto in ogni caso, riducendo la maggioranza della coalizione di governo a solo due seggi [ID: nLDE6AG20A].

Fonti della zona euro dicono che c’è un accordo di principio per innescare un aiuto quando la missione congiunta completerà il suo lavoro - forse in questi giorni - e l‘aiuto non sarebbe solo per le banche.

Le banche irlandesi sono sull‘orlo della crisi finanziaria crisi e il crollo del settore immobiliare.

La Allied Irish (ALBK.I), le cui azioni hanno perso il 70% del loro valore quest‘anno e saranno per più del 90% di proprietà dello Stato a fine dell‘anno, oggi emetterà un comunicato ai mercati.

La maggiore banca, la Bank of Ireland BKIR.I, ha detto la scorsa settimana di aver visto un deflusso di depositi pari a 10 miliardi di euro dai primi di agosto fino alla fine di settembre.

Dopo il quasi collasso della Grecia, la posta in gioco è alta. Il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy ha detto che il futuro dell‘Unione europea potrebbe essere in gioco, anche se altri hanno minimizzato i rischi.

La Gran Bretagna, le cui banche hanno circa 150 miliardi di dollari di esposizione sul debito irlandese, ha detto che è pronta ad aiutare mentre la Lagarde ha detto che la Francia si aspetta che Londra fornisca prestiti bilaterali, visti i suoi stretti legami economici con Dublino.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below