Btp in calo ma spread stringe, si scommette su accordo Irlanda

giovedì 18 novembre 2010 12:37
 

 MILANO, 18 novembre (Reuters) - Btp in lieve calo, ma un
mercato sempre più convinto dell'imminenza dell'accordo per il
salvataggio dell'Irlanda torna oggi a vendere in maniera decisa
il debito tedesco, favorendo il restringimento degli spread
periferici.
 "Gli investitori aspettano con ansia il risultato degli
incontri di oggi, è ormai inevitabile che l'Irlanda debba
arrivare a qualche tipo di accordo" commenta lo strategist di
Ria Caputal Nick Stamenkovic.
 Sbarca oggi in Irlanda la delegazione dell'Ue, della Bce e
del Fmi che dovrà valutare la situazione del paese e studiare le
eventuali misure da adottare nel caso Dublino faccia richiesta
di salvataggio.
 "È una giornata interlocutoria, la percezione è che l'Europa
cominci a forzare un po' la mano con l'Irlanda perchè accetti
gli aiuti e questo sostiene l'appetito per il rischio" commenta
un trader di una banca italiana.
 A fine mattinata, su piattaforma Tradeweb, lo spread tra Btp
e Bund decennali IT10YT=TWEB DE10YT=TWEB stringe in area 157
punti base contro i 162 della chisura di ieri.
 "Stamane si è vista qualche vendita sostenuta sul lungo che
ieri invece si era mosso deicsamente meglio, ha pesato anche
l'asta trenetennale spagnola" prosegue il trader. "Di fatto oggi
la curva Btp si rimangia il flattening di ieri". 
 Lo spread irlandese, sempre sul decennale IE10YT=TWEB
DE10YT=TWEB, si porta in area 565 punti base, 12 in meno
rispetto a ieri.
 Secondo un operatore "a favorire l'allargamento degli
sprerad è anche la lettera di ieri dei Repubblicani alla Fed,
che ha messo sotto pressione i Treasury e di conseguenza il
Bund".
 La lettera inviata dai due neo leader repubblicani di Senato
e Camera al presidente Bernanke critica la politica di
quantitative easing della banca centrale, spiegando che il
programma "introduce significativa incertezza riguardo la forza
futura del dollaro e potrebbe sia risultare in un'inflazione
duratura e difficile da controllare sia generare bolle
potenzialmente capaci di causare futuri dissesti economici".
 
 ASTE SPAGNA, SALGONO RENDIMENTI
 Focus del mercato stamane sulle aste spagnole, che hanno
confermato il trend recente di risalita dei tassi nel segmento
periferico dell'area euro.
 Madrid ha collocato 2,586 miliardi a 10 anni e 1,068
miliardi a 30 anni, nella parte centrale del range
preannunciato. Il rendimento, sul decennale, è passato a 4,615%
dal 4,144% mentre sul trentennale al 5,488% dal 5,077%.
 "Il risultato è stato accettabile considerando il contesto
di forte rischio per la periferia" spiega Chiara Cremonesi di
Unicredit.
 Mattinata d'aste anche per la Francia, che ha messo sul
mercato Btan per poco meno di 8 miliardi al 2013, 2014 e 2015,
con rendimenti rispettivamente all'1,18%, all'1,64% e al 2%.
     
=========================== 12,25 =============================
                                PREZZI   VAR.     RENDIMENTO
FUTURES BUND DIC.    FGBLc1      127,75  (-0,70) 
FUTURES BTP DIC.     FBTPZ0      114,14  (-0,24) 
BTP 2 ANNI (LUG 12)  IT2YT=TT     99,31  (-0,05)      2,352%
BTP 10 ANNI (SET 20) IT10YT=TT    99,85  (-0,12)      4,186%
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=TT    99,17  (-0,50)      5,117%
======================== SPREAD (PB) =========================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        27                 23
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       128                130
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       151                156
-livelli minimo/massimo           150,3-154,7       151,6-160,0
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      157                162
-livelli minimo/massimo           156,9-160,7       158,3-166,7
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       190                194 
BTP 2/10 ANNI                         183,4              183,3 
BTP 10/30 ANNI                         93,1               91,2 
===============================================================