Eurogruppo chiede Grecia ulteriori tagli dopo revisione deficit

mercoledì 17 novembre 2010 09:40
 

* Grecia promette altre misure per target bilancio

* Ministri zona euro mostrano fiducia in Grecia

BRUXELLES, 17 novembre (Reuters) - I ministri delle Finanze della zona euro hanno chiesto ieri sera alla Grecia ulteriori tagli alla spesa pubblica per rispettare i target di riduzione del deficit concordati nell'ambito del piano di salvataggio.

Questa settimana, l'ufficio statistico europeo ha rivisto al rialzo il disavanzo pubblico greco per il 2009 a oltre 15% del Pil da 13,6%, gettando dubbi sulla capacità del paese di ridurre il deficit all'obiettivo concordato di 8,1% entro la fine dell'anno.

Un sforamento del target di bilancio quest'anno renderà più difficile centrare gli obiettivi per gli anni a venire, inclusa la meta finale di un disavanzo al di sotto del 3% del Pil entro il 2014.

"Abbiamo sottolineato in particolare la necessità di ulteriori riduzioni di spesa, come pure l'accelerazione e l'approfondimento delle riforme strutturali..." hanno dichiarato i ministri delle Finanze della zona euro ieri notte al termine dell'incontro.

Gli obiettivi di bilancio erano stati concordati con la Commissione Ue, i governi Ue e il Fondo monetario internazionale come precondizione per fondi di emergenza per 110 miliardi di euro che questa primavera hanno evitato il fallimento sovrano del paese.

Il ministro delle Finanze greco George Papaconstantinou ha detto di essere pronto a nuove misure di austerità per rispettare i target di finanza pubblica per il 2011, anche se ha riconosciuto che l'obiettivo per quest'anno potrebbe essere mancato.

Al termine della riunione di ieri sera i ministri hanno espresso fiducia nella politica di Atene e hanno sottolineato come finora il percorso di risanamento della Grecia sia stato in linea con il programma concordato.