Irlanda, su aiuti decida governo, Efsf disponibile - Constancio

lunedì 15 novembre 2010 12:48
 

VIENNA, 15 novembre (Reuters) - La decisione se ed eventualmente quando fare ricorso al sostegno finanziario dell'Unione europea spetta al governo irlandese, il meccanismo dell'Efsf è comunque a disposizione di Dublino, di cui la Banca centrale europea senza dubbio appoggerebbe un'eventuale richiesta di aiuto. Lo dice il vicepresidente Bce Vitor Constancio, facendo presente che l'istituto centrale di Francoforte ha sostenuto la banche irlandesi mettendo a disposizione la liquidità necessaria e Dublino può aspettarsi che continui a farlo.

La Banca centrale, avverte, non si impegna in alcun modo a priori sul programma di acquisto di titoli di Stato. Il problema irlandese non riguarda inoltre soltanto l'indebitamento del settore pubblico ma anche la posizione delle banche

"Il meccanismo [Efsf, 'European financial stability facility' o fondo di stabilità Ue] è stato messo a punto e funziona, la decisione spetta ora alle autorità irlandesi che stabiliranno se farne richiesta... non possiamo sapere cosa decideranno di fare" spiega alla stampa in una conferenza nella capitale austriaca.

"Vorrei comunque sottolineare come le necessità di finanziamento non si limitino a quelle del governo - abbiamo ricordato che lo Stato è in grado di far fronte agli oneri sul debito fino alla prima parte dell'anno prossimo - ma si tratta anche di un problema che riguarda le banche e di questo va tenuto conto" aggiunge.

"Se l'Irlanda inoltrasse richiesta di aiuto verrebbe naturalmente, senza alcun dubbio appoggiata dalla banca centrale" conclude.