Legge stabilità, torni bonus eco-ristrutturazioni -parti sociali

giovedì 11 novembre 2010 18:51
 

ROMA, 11 novembre (Reuters) - Le 16 principali parti sociali italiane - fra le quali Confindustria, sindacati e Rete Imprese Italia - chiedono al governo il ripristino del bonus per le ristrutturazioni eco-compatibili cancellato per ragioni di budget dalla legge di stabilità.

"L'eliminazione del bonus del 55% per l'efficienza energetica risulta incompatibile con l'impegno assunto in sede europea di riduzione del gas serra e il venire meno di questa misura determinerebbe un grave danno economico ad oltre 400 mila imprese che occupano oltre tre milioni di dipendenti", si legge in una nota.

"Le misure di efficienza energetica sono inoltre indispensabili per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità ambientale vincolanti relativi all'accordo 20-20-20 sottoscritto dal nostro paese in sede europea".

Le parti sociali chiedono dunque che "nel disegno di legge di Stabilità per il 2011 venga prevista la proroga del bonus del 55% per l'efficienza energetica e venga introdotto, accanto al meccanismo dei voucher, il credito d'imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo per un importo almeno di 700 milioni di euro pari allo stanziamento del 2008".

Le parti plaudono invece allo stanziamento di nuovi fondi per il rifinanziamento degli ammortizzatori in deroga e la proroga per il 2011 della detassazione degli aumenti salariali di produttività presenti nel ddl.