Legge stabilità, intesa maggioranza su emendamenti - Reguzzoni

mercoledì 10 novembre 2010 18:20
 

ROMA, 10 novembre (Reuters) - La maggioranza ha trovato l'accordo sugli emendamenti da presentare alla legge di Stabilità per inglobare da subito anche il provvedimento sullo Sviluppo che vale oltre 7 miliardi.

Lo ha detto ai cronisti il capogruppo della Lega Nord Marco Reguzzoni al termine dell'incontro con gli altri capigruppo di maggioranza (compreso Italo Bocchino del Fli) ed il relatore del provvedimento Marco Milanese.

"Confermo che politicamente c'è l'intesa. Adesso i tecnici scriveranno materialmente i testi", ha detto Reguzzoni lasciando la riunione.

Piatto forte del pacchetto di emendamenti saranno l'allentamento del patto stabilità interno e la proroga al 2011 della cassa integrazione in deroga, il rifinanziamento dell'aliquota al 10% sulla parte di salario legato a incrementi di produttività e i fondi per le missioni internazionali delle forze armate.

Il fabbisogno per le missioni militari è pari a 800 milioni in un semestre. Al salario di produttività dovrebbero andare circa 800 milioni.

Oltre al miliardo per l'Università (ma le risorse saranno ripartite quasi sicuramente in più anni), Tremonti ha annunciato ai parlamentari anche un allentamento dei tagli a Regioni e comuni, tramite la revisione del Patto di stabilità interno, che vale un miliardo.

Altre misure riguarderanno i fondi al cinque per mille e con tutta probabilità il finanziamento alle scuole non statali.

Sarà anche inserito, come richiesto dalla Lega, il fondo presso la Cassa depositi e prestiti per agevolare i pagamenti della pubblica amministrazione alle imprese.