SINTESI - Irlanda, piano per banche non riesce a calmare mercati

mercoledì 10 novembre 2010 18:58
 

(Riscrive, accorpa vari articoli, aggiunge background, commenti)

DUBLINO, 10 novembre (Reuters) - Il governatore della Banca centrale d'Irlanda ha ammesso che l'enorme programma di ricapitalizzazione delle banche non è riuscito a rassicurare gli investitori visto che il costo del debito è salito sui timori che il suo nuovo piano fiscale non sia sufficiente a evitare un salvataggio.

Il governo irlandese sta cercando di dimostrare che non ha bisogno di un salvataggio come quello greco per aiutarlo a ridurre il peggior deficit di bilancio in Europa, con i mercati preoccupati che l'Irlanda non sia in grado di superare il primo dei quattro bilanci di austerità il mese prossimo.

Il commissario agli Affari economici e monetari Olli Rehn ha ribadito che l'Irlanda non ha chiesto alcun aiuto finanziario, ma il premio chiesto dagli investitori per detenere bond irlandesi a 10 anni piuttosto che benchmark tedeschi si è allargato alla stessa velocità di quando di quello della Grecia poco prima che essa chiedesse il piano di salvataggio in maggio [ID: nLDE6A91SB].

Il ministro delle finanze Brian Lenihan ha ribadito ieri di ritenere che le misure che il governo sta prendendo garantiranno il pagamento dei suoi debiti e il governatore della Banca centrale Patrick Honohan ha detto che tali misure non cambieranno anche se dovesse essere chiesto un aiuto esterno.

"Il pacchetto di politiche che il Fmi vorrebbe vedere per l'Irlanda è quello che il governo sta mettendo a punto" ha detto Patrick Honohan. "E quindi ciò non comporterebbe un cambio di direzione".

Il governatore ha parlato in risposta ad un quesito, ma non ha detto se pensava che l'Irlanda avrebbe bisogno di aiuto.

  Continua...