Europa, soluzione crisi debito sovrano rallenta -funzionario Uss

lunedì 8 novembre 2010 15:19
 

NUOVA DELHI, 8 novembre (Reuters) - I progressi dell'Europa nella soluzione della crisi del debito sovrano hanno subito un lieve rallentamento per via di resistenze politiche interne e timori relativi a una proposta di ristrutturaizone del debito, lo ha detto un funzionario Usa.

Chiedendo di mantenere l'anonimato, il funzionario ha detto che l'idea della Germania di sostituire il fondo di salvataggio europeo di 440 miliardi con un meccanisco di ristrutturazione del debito viene vista dai mercati finanziari come un fattore che eleva il rischio di default sovrano.

Questo ha spinto al rialzo gli spread di alcuni paesi periferici, come l'Irlanda.

Parlando a margine di una visita in India del presidente Usa Barack Obama, il funzionario ha detto che l'Europa ha la capacità di risolvere i problemi del debito sovrano, ma deve garantire che la situaizone non si deteriori ulteriormente.

Gli Usa sostengono gli sforzi del Fondo monetario internazionale di promuovere un accordo fra i maggiori centri finanziari del mondo per definire parametri comuni per chiudere le grandi banche in fallimento, ha detto il funzionario.

Resta però un grande dibattito sulla questione, con alcuni paesi che vogliono mantenere la possibilità di salvare le banche in alcune circostanze piuttosto che chiuderle, ha aggiunto il funzionario.