4 novembre 2010 / 16:48 / 7 anni fa

PUNTO 2 - Mps, pricing Rmbs prossima settimana od oltre - fonti

(Aggiunge seconda fonte, rating Fitch)

MILANO, 4 novembre (Reuters) - E’ atteso per la prossima settimana, ma potrebbe slittare oltre, il prezzo ufficiale dell‘operazione di securitisation di mutui casa targata Monte dei Paschi (BMPS.MI), la prima in Italia ad andare sul mercato in quasi tre anni.

Ricevuto il materiale informativo, gli investitori avranno tutto il tempo di studiare i dettagli dell‘emissione, spiega una fonte vicina all‘operazione che offrirà agli investitori due tranche di titoli, A1 e A2, che oggi hanno ricevuto rating preliminare tripla ‘A’ da Moody’s e Fitch.

“Gli investitori vogliono studiare attentamente il materiale. E’ la prima operazione di questo tipo da anni. Sono investitori sofisticati e prenderanno tutto il tempo necessario”, spiega la fonte. “Per il pricing, se ne parlerà la prossima settimana”.

Una seconda fonte precisa che i tempi potrebbero anche allungarsi, perché a metà della prossima settimana è previsto un incontro con gli investitori ad Amsterdam.

Lunedì, comunque, dovrebbero essere pubblicate le prime indicazioni di prezzo sul deal.

Dopo una presentazione in giro per l‘Europa tramite incontri riservati, gli investitori hanno ricevuto oggi le informazioni di marketing su Siena Mortgages 7, costruita su un portafoglio di mutui concessi da banche del gruppo senese.

La dimensione delle classi A1 e A2 deve essere ancora definita e dipenderà dalla domanda. Moody’s precisa però di aver assegnato rating ai titoli per un importo di 598,6 milioni nel primo caso e 800,2 milioni nel secondo.

La vita media attesa ponderata è di 1,58 anni per la classe A1 e di 3-3,5 anni (a secondo dell‘importo finale) per la A2.

Il successo dell‘operazione sancirebbe la rinascita del segmento delle securitisation anche in Italia, dopo il congelamento portato dalla crisi dei mutui subprime Usa, e riaprirebbe per le banche italiane un importante canale di finanziamento.

Pressato dalla necessità di rafforzare i ratio patrimoniali, anche in vista delle nuove regole di Basilea III, Montepaschi si sta sforzando di farlo evitando il ricorso a un aumento di capitale, impegno reiterato per l‘ennesima volta il 25 ottobre scorso.

Mps ha fatto ricorso ai cosiddetti Tremonti-bond nel 2009 e deve rimborsarli per un importo di 1,9 miliardi di euro a partire dal 2013, anno in cui inizia la graduale applicazione delle regole di Basilea III, che andranno a regime nel 2019.

Sempre oggi Mps ha comunicato di aver ricevuto l‘autorizzazione della Consob a pubblicare il prospetto informativo per il collocamento di titoli asset-backed per 1,5 miliardi di euro in dicembre.

La securitisation rientra in una complessa operazione di valorizzazione del patrimonio immobiliare che ha visto Mps cedere 683 immobili, affittati alla stessa banca o a società del gruppo, a un consorzio cui partecipano Mediobanca (MDBI.MI) e la francese Axa (AXAF.PA), fornendo contestualmente un finanziamento per l‘acquisto degli immobili [ID:nLDE6A309X] [ID:nLDE69O0S4].

A fine settembre 2010 Mps dichiarava un Tier1 dell‘8,2%.

Con l‘operazione sugli immobili la banca spera di aggiungere al coefficiente relativo al patrimonio di base 40 punti. Entro l‘anno verranno poi quantificati i benefici patrimoniali di un‘operazione con le società di gestione di risparmio, integrando Prima e Anima, da cui ci si attende circa altri 10 punti base.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below