Treasuries Usa, scadenze medie beneficiano ancora di piano Fed

giovedì 4 novembre 2010 15:06
 

NEW YORK, 4 novembre (Reuters) - I prezzi dei titoli di Stato Usa si muovono al rialzo, trainati dai guadagni della 'pancia' della curva mentre sottoperformano le scadenze lunghe all'indomani dell'annuncio del programma di acquisto di asset da parte della Fed.

Il benchmark decennale estende i guadagni e anche il trentennale ha virato in territorio positivo dopo i dati sulle richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, salite più del previsto.

Sempre sul fronte macro, le statistiche sulla produttività non agricola hanno evidenziato una crescita più veloce delle attese nel terzo trimestre.

Ieri sera la Fed ha annunciato che acquisterà 600 miliardi di dollari di Treasuries entro la metà del prossimo anno e ha ribadito che le condizioni economiche probabilmente assicureranno livelli eccezionalmente bassi per i tassi fed fund per un periodo esteso.

La strategia della Fed è quella di impedire che una caduta dell'inflazione diventi una spirale deflattiva con un calo di salari, crescita e attività delle imprese, e gli operatori dicono che una curva dei rendimenti molto più ripida potrebbe diventare la norma.

In effetti, lo spread dei rendimenti tra cinque e trenta anni si è allargato a livelli record, con gli investitori pronti a scommettere che la nuova tornata di 'quantitative easing' della Fed possa alimentare l'inflazione in futuro.

Intorno alle 14,55 italiane il decennale US10YT=RR sale di 24/32 e rende il 2,493%. Il trent'anni US30YT=RR è poco mosso per un rendimento al 4,054% e anche il due anni è sostanzialmente piatto US2YT=TT e rende lo 0,332%.