Ruby a Oggi: uscita dalla Questura ho sentito Berlusconi

martedì 2 novembre 2010 17:09
 

ROMA, 2 novembre (Reuters) - Ruby, la ragazza marocchina che con le sue dichiarazioni ha scatenato l'ennesimo scandalo intorno al presidente del Consiglio, è maggiorenne da ieri e ormai un fiume in piena. Nella intervista rilasciata al settimanale 'Oggi', che sarà in edicola domani, dichiara di essere stata una volta sola ad Arcore il 14 febbraio scorso, di avere mentito sulla sua età e di avere parlato con Silvio Berlusconi dopo essere uscita dalla Questura. In quella occasione, risalente alla notte fra il 27 e il 28 maggio scorso, il premier le avrebbe detto di non volerla più vedere.

Berlusconi sarebbe intervenuto con una telefonata alla Questura di Milano per chiedere il rilascio della ragazza accusata di furto, chiedendo di affidarla a Nicole Minetti, consigliere regionale del Pdl ed ex igienista dentale del premier.

"Appena la Minetti è arrivata tutto si è sbloccato. Una funzionaria ha detto che dovevano lasciarmi andare, che ero la nipote di Mubarak e sono andata via con Michelle [l'amica della ragazza] e Nicole. Quando siamo uscite dalla Questura, Nicole mi ha detto che l'aiuto era arrivato da Silvio. Poi me lo ha passato al telefono e lui mi ha detto che non voleva più vedermi. La Minetti mi disse che ero incosciente e mi invitò a farmi la mia vita", ha dichiarato la ragazza nell'intervista.

La ragazza ha detto di essere stata ad Arcore solo la sera del 14 febbraio ed ha ammesso di aver mentito sulla sua età dichiarando di avere 24 anni.

Alla cena "abbiamo parlato di tutto tranne che di politica. A parte Silvio che prendeva in giro politici di sinistra, tipo Bersani. Ci ha fatto vedere una statua di marmo con la sua faccia e il corpo di Superman", ha aggiunto.

Il premier dopo cena avrebbe dato alla ragazza 7.000 euro dicendole di non volere nulla in cambio e aggiungendo: "Non sono un uomo cattivo, non stare sulle tue".

Quanto al famigerato bunga-bunga, Ruby ha detto che dopo cena "ci siamo spostati in un salotto dove lui ci ha raccontato la barzelletta del Bunga Bunga, bevendo Sanbitter. Glieli portavo io".

Berlusconi, sempre secondo Ruby, avrebbe deciso di non incontrarla più dopo aver saputo che era ancora minorenne.

"Quando Lele [Mora] ha saputo che ero stata ad Arcore ha avvisato Silvio che ero minorenne e lui mi ha chiamata. Mi ha detto che l'avevo deluso e che non voleva più sentirmi".