November 2, 2010 / 12:48 PM / 7 years ago

PUNTO 1-Italia,rating stabile,rischi in instabilità politica-S&P

3 IN. DI LETTURA

(Aggiunge dettagli da nota agenzia)

* S&P conferma rating lungo termine ad A+, outlook stabile

* Outlook riflette attesa stabilizzazione debito

* Crescente fragilità governo ostacola riforme strutturali

* Bilanci famiglie e società forti ma crescita resta debole

MILANO, 2 novembre (Reuters) - Standard and Poor's ha confermato il rating sovrano dell'Italia dando credito ai programmi governativi di riduzione di deficit e debito. L'agenzia avverte però che per il futuro della politica economica e di bilancio la potenziale instabilità politica rappresenta un fattore cruciale di rischio.

Il rating di lungo termine resta ad 'A+' e quello di breve ad 'A-1+', con prospettive stabili per entrambi. In una nota l'agenzia - la più severa nel valutare il debito a lungo termine dell'Italia, che ha rating 'AA-' da Fitch e 'Aa2' da Moody's, con outlook stabile - spiega che lo scenario atteso è di un debito pubblico in stabilizzazione dal 2011. S&P conta che il governo prosegua tra 2011 e 2013 con il previsto contenimento della spesa pubblica.

"Il nostro scenario di base prevede che il disavanzo pubblico scenda a circa il 3% del Pil nel 2012 e il livello del debito del settore pubblico cominci a diminuire dal 2012", si legge nella nota.

Prima di allora, tuttavia, anche con l'attuazione integrale delle misure di consolidamento approvate in estate, il debito è destinato a raggiungere il 120% del Pil prossimo anno, secondo S&P.

Per l'agenzia la bassa crescita ostacola una discesa più sostenuta del debito e la "crescente fragilità dell'attuale coalizione di governo" è un freno a quelle riforme strutturali che servirebbero a rilanciare l'espansione economica con effetti potenzialmente positivi sul rating.

Lo sconfortante rilievo dell'agenzia è che la contrazione economica avvenuta tra 2007 e 2010 ha azzerato la maggioranza degli sforzi di risanamento del bilancio degli ultimi 10 anni.

Se l'Italia ha dalla sua la forza dei bilanci di famiglie e società - che hanno aiutato il finanziamento del debito pubblico e faciliteranno una graduale discesa dello stesso - si trova comunque a fronteggiare "impedimenti infrastrutturali, fisici e istituzionali".

L'economia ha una "bassa capacità di creare posti di lavoro e crescita".

In prospettiva a minacciare il rating sarebbe un'inattesa salita del debito dopo il 2011 dettata dal fatto che il governo non riesca ad attuare le misure di risanamento previste o a vararne di nuove necessarie a raggiungere gli obiettivi di bilancio.

Valentina Za, valentina.za@thomsonreuters.com; +39 02 6612 9526; Reuters Messaging: valentina.za.reuters.com@reuters.net

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below