Case fantasma, parte regolarizzazione, attesi 183 mln in 2011

venerdì 22 ottobre 2010 18:25
 

ROMA, 22 ottobre (Reuters) - Parte lunedì 25 ottobre la campagna pubblicitaria realizzata per sollecitare la regolarizzazione delle case "fantasma", dalla quale il governo conta di ottenere quasi 200 milioni nel 2011.

L'iniziativa, dice l'Agenzia del territorio, punta a sensibilizzare tutti i proprietari di immobili non ancora iscritti in catasto o che hanno subìto modifiche nella destinazione d'uso, a presentare spontaneamente la dichiarazione integrativa entro il 31 dicembre 2010, come prevede la manovra correttiva della scorsa estate.

In caso di mancato adempimento la manovra prevede che, dal primo gennaio 2011, "l'iscrizione in catasto avvenga d'ufficio, sulla base di una rendita catastale presunta, in attesa dell'accertamento definitivo che sarà effettuato dagli uffici territoriali dell'Agenzia del territorio".

Secondo le stime del governo le case fantasma non censite sono 1,3 milioni, con una corrispondente rendita catastale di circa 627 milioni.

In termini di cassa, la regolarizzazione dovrebbe produrre 183 milioni nel 2011 e 104 nel 2012 e nel 2013. Il calcolo non considera però il maggior gettito in termini di tributi regionali e locali.