Fiducia governo stabile a 30%, premier cala a 37% -Sondaggio Ipr

martedì 19 ottobre 2010 17:44
 

ROMA, 19 ottobre (Reuters) - Le turbolenze di questi mesi pesano sulla fiducia al premier Silvio Berlusconi che cala al 37% dal 39% di settembre, il suo minimo storico, mentre tiene sui minimi il governo con un gradimento del 30%, identico a quello del mese scorso.

E' quanto emerge dal sondaggio mensile commissionato da Repubblica a Ipr-Marketing e pubblicato oggi sul sito.

A metà del 2009 la percentale di coloro che diceva di avere molta o abbastanza fiducia in Berlusconi era pari al 53% e ancora a inizio anno veleggiava al 48%. Oggi è pari invece al 58% la quota di intervistati che nutre nel premier poca o nessuna fiducia.

La fiducia nel governo nel suo insieme resta ferma al 30%, come in settembre, a fronte di un 64% che dice di nutrire poca o nessuna speranza nell'esecutivo. Fra i ministri nessuno guadagna consensi.

Resta in testa il titolare del Welfare Maurizio Sacconi con un gradimento al 61%, dal 64%. Seguono il Guardasigilli Angelino Alfano e il ministro dell'Interno Roberto Maroni fermi al 60%. Pur in calo il ministro dell'Economia Giulio Tremonti riscuote oltre la metà dei consensi (52%), e il leader della Lega Nord Umberto Bossi è fermo al 50%.

Male il ministro della Difesa Ignazio La Russa che perde quattro punti al 38%, come Maria Stella Gelmini che scende al 36%.

Fra i partiti vince la Lega con un gradimento stabile al 33%, segue l'Udc al 30% (meno tre punti). Il Pdl con il 29% perde 5 punti mentre il Pd, pur al 27% guadagna 1 punto rispetto a settembre. La nuova formazione Futuro e libertà ottiene una fiducia del 22% dal 20% di un mese fa.