Ici, governo va avanti: esenzione Chiesa in dlgs fisco comunale

martedì 19 ottobre 2010 17:12
 

ROMA, 19 ottobre (Reuters) - Nonostante l'indagine avviata dalla Commissione europea per possibile aiuto di Stato, il governo vuole mantenere il regime di esenzione Ici per gli immobili della Chiesa cattolica e intende inserirlo nel decreto legislativo sul federalismo municipale.

Lo spiega una fonte governativa che chiede di rimanere nell'anonimato.

"Si va verso un'esplicitazione delle esenzioni nel decreto. Altrimenti si finirebbe con il mettere in discussione tutte le agevolazioni del no profit", dice la fonte.

Il decreto sul federalismo demaniale, approvato in Consiglio dei ministri il 4 ottobre, verrà formalmente presentato in Parlamento solo dopo il via libera dei comuni, che dovrebbe arrivare con la riunione della Conferenza Stato-città del 28 ottobre.

Il testo consegnato agli enti locali, spiega la fonte, conferma tutti i regimi di esenzione Ici, ma non fa riferimento ai benefici per la Chiesa cattolica, previsti alla lettera "i" della legge 504 del 1992 ma modificati più volte negli ultimi anni.

"La conferma dell'esenzione si desume dalla relazione tecnica al decreto ma, per evitare problemi di interpretazione, verrà resa esplicita nel testo ufficiale che sarà esaminato dal Parlamento", aggiunge la fonte.

La Commissione europea ha avviato un'indagine nei confronti dell'Italia perché ritiene che le agevolazioni, previste non solo per la Chiesa ma anche per le associazioni sportive dilettantistiche, possano "distorcere la concorrenza".

Il regime fiscale di favore in origine si applicava solo agli immobili "destinati esclusivamente allo svolgimento di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive".

Successivamente ci sono stati altri due interventi normativi: il primo con la Finanziaria del 2005; il secondo con la legge 248 del 4 agosto 2006.

Da allora è sufficiente che l'immobile svolga un'attività "non esclusivamente commerciale" per godere del beneficio, come nel caso di un albergo che abbia al suo interno una cappella.