19 ottobre 2010 / 05:34 / tra 7 anni

Nuove regole su sanzioni operative entro 2012 - Eurogruppo

LUSSEMBURGO, 19 ottobre (Reuters) - Impegnati per oltre tredici ore tra Eurogruppo e ‘task force’ Van Rompuy, i ministri finanziari europei sono arrivati ieri sera all‘auspicata intesa sul rafforzamento della governance europea. Perfezionato il necessario iter legisaltivo entro l‘estate prossima, le nuove norme più rigide e le sanzioni rafforzate saranno “operative” entro il 2012.

Lo annunciano il numero uno dell‘Eurogruppo Jean-Claude Juncker e il commissario Ue agli Affari economici e monetari Olli Rehn nella conferenza stampa al termine della seconda parte dell‘Eurogruppo.

“Sono soddisfatto dei progressi fatti e della convergenza raggiunta rispetto alle proposte della Commissione volte a incentivare il rafforzamento della governance” dichiara il commmissario.

“Ho chiesto al Consiglio e al parlamento europeo di accelerare i tempi in modo da arrivare alle decisioni legislative entro l‘estate prossima” aggiunge.

A una domanda specifica sulla valutazione di sostenibilità sul debito pubblico - vera spina nel fianco per l‘Italia - Rehn risponde in maniera piuttosto vaga, limitandosi a spiegare che quello del debito rimarrà un criterio importante.

“Maggiore attenzione al criterio del debito, finora poco monitorato” è invece il riferimento diretto che appare nell‘intervento del presidente Van Rompuy.

Tornando alla tempistica, il numero uno dell‘Eurogruppo aggiunge che Consiglio e parlamento europeo possono comnciare a mettere a punto la riforma in modo da renderla operativa entro il 2012.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below