Scudo fiscale, compensazioni eccessi possibili con F24 - Entrate

giovedì 14 ottobre 2010 12:27
 

ROMA, 14 ottobre (Reuters) - Gli intermediari che vogliono recuperare le eventuali eccedenze di versamento dell'imposta straordinaria dovuta per regolarizzare le attività finanziarie e patrimoniali detenute all'estero (il cosiddetto scudo fiscale) potranno farlo utilizzando il modello F24.

È questo, in sintesi, il chiarimento fornito dall'Agenzia delle Entrate con una risoluzione che prende le mosse dalla richiesta di un'associazione interessata a capire quali siano, una volta scaduti i termini per l'emersione, le modalità per riavere indietro la parte di imposta versata in più.

L'Agenzia delle entrate spiega che gli intermediari, infatti, per tutta la durata dell'operazione dello scudo, potevano recuperare le eventuali eccedenze scomputandole dai versamenti futuri della stessa imposta straordinaria. Un'opzione che lasciava sul tappeto un problema fondamentale: come recuperare le possibili rimanenze di versamenti eccedenti se non ci sono altri pagamenti da effettuare? Per ovviare a questo inconveniente, la risoluzione apre alla possibilità di compensare, usando il modello F24, le somme eventualmente pagate in eccesso per aderire allo scudo fiscale, sia nel caso in cui il surplus derivi dalla restituzione dell'imposta al contribuente da parte dell'intermediario, sia quando il pagamento di un importo superiore al dovuto sia stato determinato da semplici errori nei versamenti.

Questo tipo di compensazioni - precisa, infine, il documento - dovranno essere indicate nel modello 770.

Il testo della risoluzione, la 107/E, è disponibile sul sito agenziaentrate.gov.it.