MONETARIO - Cosa succede oggi giovedì 7 ottobre - ore 9,00

giovedì 7 ottobre 2010 08:59
 

(aggiunge al terzo punto dichiarazioni Saccomanni su previsioni governo)

* Oggi riunione del comitato di politica monetaria della Bce con decisione sui tassi. Scontata la conferma del costo del denaro all'1% ,il mercato attende da Francoforte segnali sulla exit strategy. La banca centrale ha rimandato ogni modifica delle condizioni straordinarie di liquidità a dopo l'inizio del 2011. Ma alcune fonti di stampa parlano di una spaccatura all'interno del direttivo: alcuni membri starebbero premendo per lanciare da subito un segnale al mercato, con indicazioni più puntuali sui tempi d'azione.

* Decisione sui tassi anche per la Banca d'Inghilterra: attesa la conferma del costo del denaro allo 0,5%. Di fronte ad un quadro economico ancora difficile, anche in Gran Bretagna c'è sul piatto l'ipotesi di nuove misure di quatitative easing, come quelle già annunciate dalla Banca del Giappone o che la Fed potrebbe presto adottare negli Usa. Per il meeting odierno l'attesa prevalente è comunque per la conferma del programma della BoE di acquisto bond alla cifra attuale di 200 miliardi di sterline.

* Il direttore generale di Bankitlaia Fabrizio Saccomanni ha affermato ieri, nel corso di un'audizione parlamentare, che l'attuale target di crescita del pil del governo dell'1,2% per quest'anno appare "leggermente ottimistico". Scetticismo espresso anche per le previsioni di crescita di medio termine del governo, in particolare per il 2% relativo al 2012.

* Sul fronte economico due i dati principali. In Germania quello sulla produzione industriale di agosto, attesa in aumento dello 0,5% su mese, dopo il +0,1% di luglio. Negli Usa focus sulle richieste di nuovi sussidi di disoccupazione: ne sono attese 455.000 nell'ultima settimana contro le 453.000 di quella precedente. Ieri il dato Adp sull'occupazione Usa ha mostrato la perdita di 39.000 posti di lavoro in settembre contro attese per un incremento di 24.000 unità: un dato poco incoraggiante in vista della statistica nazionale ufficiale che verrà pubblicata domani.   Continua...