Btp erodono rialzi, spread termina poco variato su recupero Bund

venerdì 1 ottobre 2010 17:52
 

 MILANO, 1 ottobre (Reuters) - I Btp erodono i guadagni nella
seconda metà di una seduta ancora una volta molto volatile e lo
spread termina poco variato dopo essere stato risospinto dai
minimi segnati in seduta a 150 punti base dal recupero dei Bund
sull'onda dell'inversione di rotta delle borse.
 Gli indici del Vecchio Continente hanno annullato i guadagni
e si avviano a una chiusura leggermente negativa. Il segno meno
delle borse ha consentito al Bund di recuperare quasi per intero
il calo dopo minimi giornalieri segnati a 130,63, 80 centesimi
sotto la precedente chiusura.
 "Il mercato è una trottola e fa fare al Bund (future) minimi
e massimi con un'escursione di una figura. Questo si riflette
sull'Italia che, a differenza di altri paesi non core che
vengono mossi dalle notizie sui conti pubblici, si muove
sull'onda del Bund", commenta un trader. "In sintesi: un mercato
molto, molto volatile le cui forti oscillazioni si ripercuotono
sullo spread".
 I dati giunti nel pomeriggio da oltreoceano hanno
confermato, come atteso, il lieve rallentamento dell'espansione
del settore manifatturiero.
 In mattinata lo spread Btp/Bund aveva continuato a
stringersi proseguendo un movimento avviato ieri. Lasciatosi
alle spalle vari fattori di incertezza legati al debito di
Irlanda e Portogallo, il mercato ha trovato tra ieri e oggi
spunti per tornare a comprare titoli periferici alleggerendo
invece i portafogli di Bund.
 La tregua è stata dettata dai dettagli definitivi sui costi
imposti dal sistema bancario al governo irlandese e il taglio
del rating sovrano della Spagna da parte di Moody's, meno severo
di quanto alcuni sul mercato prevedessero.
 I calcoli di Ing mostrano che i titoli di Stato irlandesi e
portoghesi abbiano segnato le performance peggiori di settembre,
in termini di total return, con un calo del 4,1% e 4,7%
rispettivamente, a dispetto del forte calo dei rendimenti ieri e
della brusca chiusura degli spread contro Bund.
 Sempre ieri, inoltre, il rientro di finanziamenti della Bce
per 225 miliardi e la richiesta dalle banche dell'eurozona di
rinnovo per meno di 134 miliardi hanno mutato lo scenario dei
tassi attesi, aprendo uno spiraglio verso la normalizzazione del
mercato interbancario. L'Eonia ieri è più che raddoppiato al
fixing giornaliero passando a 0,878%.
 Le attese di tassi più alti nel breve si sono tradotte sul
tratto 2-10 anni in un movimento di appiattimento della curva,
partito e proseguito questa mattina, così che la scadenza
decennale risulta quella maggiormente premiata dal rally del
mercato.
============================ 17,30 ============================
                                PREZZI   VAR.     RENDIMENTO
FUTURES BUND DIC.    FGBLc1      131,36  (-0,07)
FUTURES BTP DIC.     FBTPZ0      116,79  (+0,11) 
BTP 2 ANNI (LUG 12)  IT2YT=TT    101,06  (+0,01)      1,882% 
BTP 10 ANNI (SET 20) IT10YT=TT   101,59  (+0,09)      3,841% 
BTP 30 ANNI (SET 40) IT30YT=TT   104,20  (-0,10)      4,791% 
 
======================= SPREAD (PB) ===========================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5        26                 28
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3       103                110
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5       155                156
-livelli minimo/massimo           149,5-157,7       153,3-169,3
BTP/BUND 10 ANNI IT10DE10=TWEB      158                161
-livelli minimo/massimo           153,2-163,3       158,4-174,4
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7       190                192
BTP 2/10 ANNI                         195,9              196,5 
BTP 10/30 ANNI                         95,0               93,2 
===============================================================