Btp 15 anni da 6 mld, 63% all'estero, ordini a quasi 10 mld-nota

giovedì 23 settembre 2010 14:53
 

MILAN0, 23 settembre (Reuters) - Il nuovo Btp a 15 anni, prezzato ieri per 6 miliardi, è stato collocato per ben il 63% all'estero dopo aver raccolto ordini per quasi 10 miliardi di euro da oltre 180 investitori.

Lo dice oggi una nota del Tesoro italiano.

Il Btp 1 marzo 2026 è stato prezzato ieri sera a 100,07 offrendo una cedola del 4,5% per un rendimento del 4,543%, pari a 10 punti base sopra il rendimento del Btp a 15 anni di riferimento, il marzo 2025, in linea con le attese.

"Hanno partecipato all'operazione oltre 180 investitori per una domanda complessiva di poco inferiore ai 10 miliardi di euro" dice la nota del Tesoro che dettaglia: "gli investitori italiani si sono aggiudicati circa il 37% dell'emissione. Molto rilevante è stata anche la quota sottoscritta da investitori residenti in Gran Bretagna (30%). Della restante quota larga parte è stata collocata per lo più in Europa, in particolare in Germania (10%), Benelux (7%) e Francia (6%). Ai paesi scandinavi è andato il 5%, mentre gli investitori extraeuropei si sono aggiudicati il 3% dell'operazione".

Quanto alla tipologia di investitori, "il 34% dell'emissione è stato assegnato ad asset manager e fondi d'investimento" dice ancora la nota, "mentre le banche si sono aggiudicate circa il 24% dell'ammontare complessivo. Il 37% circa è stato collocato presso investitori con un orizzonte di investimento di lungo periodo (fondi pensione e assicurazioni circa il 29%, banche centrali/istituzioni governative quasi l'8%), mentre la quota sottoscritta da hedge fund è stata pari al 4%.

Il collocamento è stato effettuato mediante sindacato, costituito da cinque lead managers, Banca Imi, Citigroup Global Markets, Deutsche Bank, Nomura Int. e Royal Bank of Scotland e dai restanti specialisti in titoli di Stato italiani in qualità di co-lead.