Treasuries Usa, scadenze lunghe soffrono dopo dati Cina

lunedì 13 settembre 2010 15:47
 

NEW YORK, 13 settembre (Reuters) - Le scadenze lunghe dei titoli di stato Usa si muovono in ribasso sulla piazza newyorkese, con i rendimenti sui massimi di un mese, penalizzate dai solidi dati macro cinesi che hanno risvegliato l'appetito per le azioni, riducendo la domanda per i beni rifugio come i bond.

Un incoraggiamento a investire in asset più rischiosi arriva anche dall'accordo raggiunto ieri sui nuovi requisiti di Basilea III, l'intesa sui nuovi ratio patrimoniali concede alle banche più tempo del previsto per adeguarsi alle nuove norme.

Nelle ultime otto sedute, i prezzi delle scadenze lunghe si sono mostrati deboli in sette sessioni, invertendo i recenti intensi acquisti sui timori di deflazione e recessione 'double-dip'.

Dalla Cina sono giunte nel weekend alcune statistiche macro - tra cui inflazione, produzione industriale in agosto - da cui emerge un'economia in decisa salute.

"I dati cinesi hanno sostenuto le borse nel mondo e i bond sono in calo come reazione", osserva Tom di Galoma, responsabile trading tassi di interesse a Guggenheim Partners a New York.

Poco dopo le 15,30 il benchmark decennale US10YT=RR è piatto a 98*18 per un rendimento di 2,79%, il trentennale US30YT=RR perde 11/32 a 99*24 con un rendimento di 3,89%. Il titolo a due anni rende lo 0,56%. è stabile a 99*20.