13 settembre 2010 / 13:56 / 7 anni fa

Basilea III, bond perpetui in Tier 1 ratio a 100% solo fino 2013

* Ibridi con call, step up usati per Tier1 ratio fino 2013

* Da oggi norme nuove regole per strumenti validi per Tier 1

* Intesa Sanpaolo a un bivio, Unicredit ok con ultimo ibrido

MILANO, 13 settembre (Reuters) - I bond perpetui, detti anche ibridi, emessi fino a ieri, quando è stato emesso il documento noto come Basilea III, saranno riconosciuti al 100% per il Tier1 ratio solo fino al 2013. Dopo quella data il loro ‘peso’ scenderà del 10% per ogni anno a venire per una durata di 10 anni.

Di contro, per incidere sul Tier 1 ratio da oggi in poi non potranno più essere utilizzati i bond perpetui vecchio stile, con call e step up, ma dovranno essere utilizzati invece altri strumenti con caratteristiche più vicine al titoli azionari.

Sono queste le principale indicazioni che emergono dal testo integrale del comunicato di Basilea III emesso ieri sera sulla base dell‘accordo raggiunto al termine della riunione tra i governatori G10 e i responsabili della supervisione. [ID:nLDE6880GK].

Il tema è di grande attualità per le banche e altri emittenti che hanno in essere bond Tier 1 e per quelle che, venendo a scadere una call a breve, si trovano dell‘incertezza circa il tipo di strumento da utilizzare per rifinanziare l‘operazione.

Nel capitolo dedicato al ‘grandfathering’ il comunicato dedica una prima parte agli strumenti di ricapitalizzazione pubblici che in Italia sono chiamati ‘Tremonti bond’. Essi verranno utilizzati per il calcolo del core Tier 1 fino al 2018. “Dopo di che ogni paese verificherà le caratteristiche dei propri bond di questo tipo e verrà verificato in che modo possono essere utilizzati ai fini dei ratio patrimoniali” spiega una fonte che ha seguito lo sviluppo dei lavori di Basilea III.

Gli altri strumenti di capitale che, con le nuove norme, non saranno più qualificati per il Tier 1 ratio verranno eliminati gradualmente in un orizzonte temporale di 10 anni a partire dal primo gennaio 2013, dice il comunicato.

Fissando come base l‘ammontare nominale di ciascuno strumento in essere a quella data, il loro riconoscimento scenderà al 90% il primo anno e poi di 10 punti percentuali ogni anno successivo, aggiunge.

OCCORRE RACCORDO CON DIRETTIVA EUROPEA

Il grandfathering degli strumenti che oggi sono core Tier 1 proposto da Basilea (dal 2013 per 10 anni) non è coerente con quello della direttiva n. 111 del 2009 CRD2 che prevedeva invece una data di partenza nel 2011 per un periodo di 30 anni con limiti di computabilità decrescenti dopo i primi 10 anni.

“Ci dovrà essere un ‘raccordo’ tra le disposizioni europee con le nuove regole proposte dal Comitato di Basilea” osserva la fonte.

Il capitolo termina sottolineando che per gli attuali strumenti Tier 1 con call e step, proprio lo scadere della call potrebbe essere una buona occasione di rimborso, per procedere quindi all‘emissione di uno strumento con nuove caratteristiche.

Due casi significativi in Italia vedono recentemente protagoniste le due banche principali, da una parte Intesa Sanpaolo (ISP.MI), dall‘altra Unicredit (CRDI.MI).

A novembre Intesa dovrà fare i conti con la scadenza di una call su un bond da 1 miliardo di euro e si trova sul bivio di due ipotesi di comportamento: il rinnovo con uno strumento con le nuove regole, oppure il non esercizio della call. Il mercato di fatto sta prezzando che il bond venga rimborsato il prossimo 10 novembre. Per un‘analisi sul tema fare doppio click su [ID:nLDE687161].

Caso diverso è quello di Unicredit che lo scorso giugno, in relazione a un bond Tier 1 con call imminente, ha rinnovato il bond con un altro bond perpetuo da 500 milioni. In base al testo di Basilea III, tale bond è stato emesso i tempo per entrare nel periodo di transizione con il progressivo abbattimento del suo peso sul Tier 1 ratio.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below