Futures Bund estende calo, si chiude spread Italia e periferici

mercoledì 1 settembre 2010 11:26
 

LONDRA, 1 settembre (Reuters) - Negli scambi della tarda mattinata i derivati sul decennale tedesco ampliano la discesa fino a portarsi sui minimi di seduta con una flessione superiore al mezzo punto.

All'origine del movimento la lettura contrastata ma in alcuni casi - Cina in testa - migliorativa rispetto a luglio degli indici Pmi sul settore manifatturiero ad agosto.

Il clima di maggiore propensione al rischio premia così i mercati obbligazionario periferici insieme agli indici di borsa, mentre sui benchmark tedeschi si osservano prese di beneficio dopo il recente rally.

"In un primo tempo è stata una corsa all'acquisto, qualcuno comincia a domandarsi se non si tratti di un rally eccessivo" commenta un trader.

"Perché il Bund riprenda a salire occorrono dati macro particolarmente deludenti o una correzione delle borse... tecnicamente è comunque il momento di vendere [carta tedesca]" continua.

Secondo i dati Tradeweb IT10DE10=TWEB il differenziale di rendimento Italia/Germania arrivato ieri a superare i 170 centesimi si porta sul tratto decennale fino a un minimo intraday di 157,4 punti base, visto mercoledì scorso 25 agosto, in calo di circa 8 tick rispetto alla chiusura di ieri.

Marcato rientro anche per lo spread Spagna/Germania, che sempre sul segmento decennale mostra un restringimento di una decina di centesimi intorno a 176 punti base.

"Questa mattina si vede in generale un'inversione di tendenza rispetto alla propensione al rischio e i primi beneficiari sembrano i mercati periferici messi meglio come quello italiano e spagnolo" conclude l'operatore.