25 agosto 2010 / 05:37 / tra 7 anni

MONETARIO - Cosa succede oggi mercoledì 25 agosto

* I timori dei mercati internazionali per un ‘double dip’ dell‘economia Usa si stanno facendo sempre più acuti. Ieri il tema è stato evocato da Charles Evans della Fed di Chicago dicendo che i rischi di un tale evento sono cresciuti negli ultimi sei mesi. Di conseguenza gli investitori continuano a cercare rifugio: sullo yen, ancora nei pressi del massimo di 15 anni sul dollaro e di nove anni sull‘euro, sull‘oro, sui titoli di stato tedeschi e Statunitensi. Uscendo invece dalle borse.

* L‘attenzione è ora soprattutto alla possibilità che le autorità giapponesi intervengano vendendo yen per limitarne la forza che potrebbe danneggiare l‘export. Ieri il ministro delle finanze giapponese Noda si è limitato ad aumentare leggermente la retorica sulle misure da prendere sullo yen, mentre il quotidiano Nikkei ha riportato che il Giappone potrebbe prendere in considerazione un intervento unilaterale se la speculazione continuerà a colpire.

* Intanto, dal lato macro, oggi il Giappone ha comunicato che le esportazioni in luglio sono cresciute del 23,5% rispetto a un anno prima, sopra le stime di un +21,9%. Le importazioni sono cresciute del 15,7% contro l‘attesa di un +20,6%

* Il greggio dopo 5 giorni di fila in calo scendendo a un minimo di 11 settimane, proprio per il timore di un rallentamento globale, stamane vede un leggero rimbalzo. Intorno alle 7,30 il contratto a ottobre sul Nymex è in rialzo di 19 cent a 71,82 dollari, la stessa scadenza sul Brent sale di 34 cent a 72,72 dollari.

* I Treasury Usa ieri hanno chiuso di nuovo in rialzo ieri, mandando i rendimenti a nuovi minimi, soprattutto dopo la delusione del dato sulle vendite di case ieri, in un calo a sorpresa del 27%. Il decennale benchmark ha chiuso a 101-03/32 in rialzo di 30/32 per un rendimento del 2,499%.

* In ambito europeo l‘appetito per investimenti rifugio ha infiammato ulteriormente il bund e penalizzato i periferici. Lo spread dell‘Irlanda era già nei giorni scorsi sotto pressione con quotazioni oltre i 300 pb. A ciò si aggiunge nella notte la decisione di S&P’s di ridurre il rating dell‘Irlanda di un notch a ‘AA-’ con outlook negativo dicendo che il costo per sostenere il sistema finanziario in difficoltà indebolirà ulteriormente la flessibilità finanziaria. L‘agenzia per la gestione del debito irlandese stamane ha commentato la decisione dell‘agenzia di rating dicendo che il suo è un approccio scorretto.

* Dato economico principale della giornata l‘Ifo tedesco di agosto. L‘indice di fiducia delle imprese è atteso in calo a 105,7 punti, dai 106 di lughlio. Dopo il forte dato sul pil tedesco del secondo trimestre il mercato cerca di capire il grado di sostenibilità della crescita nella prima economia continentale.

* Diversi inoltre i dati in arrivo dagli Usa, che potrebbero confermare le preoccupazioni sul rallentamento dell‘economia globle: focus sugli ordini di beni durevoli di luglio, attesi in crescita del 2,8% su mese, dopo il -1,2% di giugno. Attenzione anche al mercato immobiliare, con le vendite di nuove abitazioni, attese stabili a 330.000 unità in luglio, soprattutto dopo il deludenete dato di ieri sulle vendite di case esistenti.

* Sul primario europeo si attende la comunicaziuone del Tesoro italiano, a mercati chiusi, sui quantitativi dell‘asta a medio-lungo di fine mese (30 agosto). Oltre al Ccteu e al Btp triennale, ci sarà il debutto del nuovo benchmark a 10 anni (01/03/2021, cedola 3,75%), per cui gli operatori si attendono un‘offerta fino a 5 miliardi di euro (compresa la riapertura). In mattinata, invece, il Portogallo colloca tra 750 milioni e 1,250 miliardi di euro sulle scadenze 2016 e 2020.

DATI MACROECONOMICI

GERMANIA

* Indice Ifo agosto (10,00) - attesa 105,7

USA

* Nuovi ordinativi luglio (14,30) - attesa XD 1,6 e XT 0,5%

* Beni durevoli luglio (14,30) - attesa 2,8%

* Prezzi case giugno (16,00)

* Vendita nuove case luglio (16,00) - attesa 0,33 mln

* Revisione licenze edilizie luglio

* Scorte Usa settimanali prodotti petroliferi Eia (16,30)

ASTE DI TITOLI DI STATO ITALIA

* Tesoro, annuncio quantitativi Ccteu (15/12/2015, cedola 2%), Btp a 3 anni (01/06/2013, cedola 2%), nuovo Btp (01/03/2021, cedola 3,75%) in asta il 30/8

PORTOGALLO

* Tesoro, asta 0,750/1,250 miliardi OT ottobre 2016, cedola 4,20% e giugno 2020, cedola 4,80%

USA

* Tesoro, asta 36 miliardi dollari titoli di Stato a 5 anni (19,00).

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below