Ue,9 Paesi per computo fondi pensione in procedure deficit-fonte

martedì 17 agosto 2010 16:54
 

BUDAPEST, 17 agosto (Reuters) - Nove paesi membri dell'Unione europea, per la maggior parte dell'est, chiedono a Bruxelles che i costi per le riforme delle pensioni siano computati fra i parametri considerati nelle procedure per deficit eccessivo, secondo una fonte del governo ungherese.

In particolare, in una lettera inviata alla Commisione europea lo scorso 6 agosto, il blocco dei nove chiede di tagliare i livelli di deficit e debito dei paesi che hanno messo mano al sistema previdenziale.

"I versamenti ai fondi pensione privati danno luogo a deficit e debito extra, contabilizzati da Eurostat in diverso modo prima del 2004. Dopo il 2004 per un periodo la Commissione ha considerato l'impatto di questa voce nei risultati di bilancio considerando la procedura per deficit eccessivo", ha spiegato a Reuters Andras Karman, segretario del ministero dell'Economia.

"Chiediamo che sia ripristinata questa pratica consentendo di applicare in modo permamente una misura adottata in via temporanea" ha detto.

"Il senso della proposta congiunta è che l'Europa dovrebbe tenere in considerazione l'impatto del sistema di fondi previdenziali privati sul deficit e il debito durante le procedure di infrazione e quando gli obiettivi di deficit sono fissati", ha aggiunto precisando che la lettera vuole lanciare un tema su cui discutere più che una proposta dettagliata.