Usa, garanzia pubblica fondamentale per immobiliare - Geithner

martedì 17 agosto 2010 16:31
 

WAHINGTON, 17 agosto (Reuters) - Il segretario al Tesoro Usa Timothy Geithner si è espresso a favore di un sistema di garanzie pubbliche ben strutturato per gli emittenti di mutui, nel momento in cui l'amministrazione Usa avvia alla ristrutturazione di Fannie Mae e Freddie Mac.

"Senza tale sostegno il rischio è che le recessioni future possano essere più severe in quanto il sistema finanziario non disporrebbe di capitali per sostenere il credito immobiliare su scala adeguata" si legge nel testo di un discorso preparato da Geithner per una conferenza. "La caduta dei prezzi immobiliari potrebbe risultare più acuta, con un danno ancora maggiore per la ricchezza finanziaria".

Secondo il segretario al Tesoro la questione fondamentale è fino a che misura il settore privato può dare forme di assicurazione e garanzia, oppure se ciò non rientri nel ruolo del governo.

"La sfida è assicurare che ogni garanzia pubblica sia strutturata per coprire il rischio di perdita e per minimizzare l'esposizione dei contribuenti" ha aggiunto.

Geithner ha poi affermato l'importanza per il governo di rivedere le politiche immobiliari, con l'obiettivo di promuovere l'accesso alla casa a prezzi ragionevoli, compresa la possibilità di rivedere il sistema di incentivi.

L'amministrazione Obama, ha speigato il ministro, ha favorito "cambiamenti fondamentali" nella finanza immobiliare, per affrancare i mercati dal sostegno pubblico in modo da permettere al settore privato di rientrare nel comparto dei mutui.

Attualmente Fannie Mae e Freddie Mac, sotto controllo pubblico dal settembre 2008, insieme alla Federal Housing Administration, coprono da soli circa il 90% dell'erogazione di nuovi mutui Usa, secondo quanto affermato dal segretario Usa alla casa e allo sviluppo urbano Shaun Donovan.