Monetario disteso, operatori guardano a p/t settimana prossima

venerdì 13 agosto 2010 11:45
 

MILANO, 13 agosto (Reuters) - Monetario disteso nell'ultima seduta della settimana, con un eccesso di fondi che gli operatori stimano nell'ordine dei 120-130 miliardi di euro.

"Non ci sono problemi, l'eccesso di liquidità è ancora considerevole" spiega il tesoriere di una delle maggiori banche italiane.

Prosegue intanto la risalita dei depositi in Bce effettuati a fine giornata dalle banche dell'area euro, reduci dal brusco calo registrato in concomitanza con l'operazione di fine-tuning condotta martedì da Francoforte, al termine del periodo di mantenimento della riserva obbligatoria.

"Da Bce e Fed sono arrivati messaggi divergenti, ma credo che alla fine, prevarrà la cautela" prosegue il tesoriere. "Sarà importante vedere il p/t a sette giorni della prossima settimana: probabile che le banche tornino a chiedere un po' di liquidità. Magari resta invariata, difficilmente scenderà ancora".

I depositi overnight remunerati allo 0,25% si sono attestati ieri sera a 44,863 miliardi di euro dai 38,687 miliardi di mercoledì.

Sono cresciuti anche i prestiti marginali all'1,75% richiesti dalle banche alla Bce, ma si confermano a ogni modo su valori sostanzialmente trascurabili. Ammontavano ieri sera a a 367 milioni di euro dai 29 milioni della seduta precedente.

"Se la settimana prossima la liquidità resta invariata credo che i depositi si confermeranno in area 40-45 miliardi nel periodo. Dovesse salire, anche i depositi si muoveranno in maniera proporzionale".

Attorno alle 11,40 il tasso overnight tratta sulla piattaforma Mid tra lo 0,42% e lo 0,48%, mentre sugli schermi Reuters tra lo 0,28% e lo 0,438, praticamente stabile rispetto a ieri.

L'Eonia è stato fissato ieri pomeriggio allo 0,464%, dal precedente 0,477%, in ulteriore discesa dallo 0,769% fatto registrare martedì in occasione del drenaggio fondi overnight di fine Rob. Una discesa che tuttavia alcuni giudicano limitata.   Continua...