Grecia, buon inizio risanamento secondo delegazione Fmi-Ue-Bce

giovedì 5 agosto 2010 12:05
 

ATENE, 5 agosto (Reuters) - La Grecia riceverà la seconda tranche del pacchetto internazionale di auti grazie all'avvio molto deciso del proprio piano di austerità. E ora occorre concentrarsi su riforme drastiche che permettano all'economia di tornare a crescere.

Lo ha detto un alto esponenente del Fondo monetario internazionale, Poul Thomsen, capo della delegazione congiunta con Unione eruropea e Bce che nelle ultime due settimane ha visitato la Grecia per verificarne i progressi sul fronte del risanamento fiscale, fondamentali per l'ottenimento dei 9 miliardi di euro della seconda tranche del pacchetto triennale di aiuti al paese, da complessivi 110 miliardi.

"Il programma è ben avviato. Si tratta di impegni molto ambiziosi con molte misure da prendere subito. La buona notizia è che è stato avviato secondo i piani" ha detto Thomsen, parlandi di un avvio "impressionante" del processo di risanamento.

In un comunicato congiunto, d'altra parte, Fmi, Eu e Bce confermano il buon inizio del processo di riforma avviato dalla Grecia, pur ricordando che numerose sfide restano da affrontare.

"Il giudizio complessivo è che il programma sia stato iniziato in maniera decisa" si legge nel comunicato, che sottolinea come la contrazione dell'economia greca si mantenga in linea con le previsioni.

"I criteri di performance quantitativa alla fine di giugno sono stati tutti rispettati, grazie a una realizzazione vigorosa del programma fiscale e alle importanti riforme che vengono realizzate in anticipo sui tempi previsti. Restano tuttavia importanti sfide e rischi", aggiunge.