Monetario, depositi superano 100 mld a fine mese, giù Euribor

venerdì 30 luglio 2010 12:25
 

MILANO, 30 luglio (Reuters) - Nell'ultima seduta del mese di calendario, mentre si avvicina anche la chiusura del periodo di mantenimento, il 10 agosto prossimo, il ricorso ai depositi marginali torna a superare i 100 miliardi

Le statistiche a cura dell'istituto centrale di Francoforte aggiornate a questa mattina mostrano un incremento prossimo ai 27 miliardi e una risalita a 117,923 miliardi nei depositi delle banche commerciali della zona euro remunerati dalla Bce a 0,25%.

Lieve aumento anche mel ricorso ai finanziamanti marginali a 1,75%, saliti a 79 da 60 milioni.

"Un fenomeno assolutamente fisiologico tenendo conto dei numerosi flussi in entrata e in uscita alla fine del mese... la parte brevissima della curva dei tassi è decisamente distesa anche se il volume degli scambi è molto contenuto" commentano da una tesoreria.

Fanno intanto il primo gradino all'ingiù da metà aprile a questa parte i tassi Euribor.

In occasione del fixing londinese della mattinata cede tre millesimi da ieri il tasso Euribor trimestrale a quota 0,896%, correggendo dal record di ieri picco dal 30 luglio dell'anno scorso.

La parabola ascendente dei tassi interbancari si interrompe però a detta degli operatori soltanto in maniera estemporanea e sembra destinata a riprendere il proprio corso già a partire dai prossimi giorni, anche alla luce delle ultime dichiarzioni distensive da parte della stessa Bce.

"Tassi di riferimento e tassi di mercato sono in fase di progressivo allineamento come dovrebbe avvenire in una situzione equilibrata" conclude l'operatore.

Poco dopo le 12 il tasso overnight gira sul Mid in area 0,35%, rispetto alla media Eonia fissata ieri a 0,453%.

Sulla curva dei derivati Euribor, a ulteriore dimostrazione della distensione dei tassi di mercato, la scadenza settembre FEIU0 sale di 3 tick a 99,065, dicembre FEIZ0 di 5 punti base 98,99 e marzo FEIH1 di 6 punti base a 98,98. Altri dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.