Monetario, mercato disteso, tendenza al rialzo per tassi a breve

lunedì 19 luglio 2010 12:14
 

MILANO, 19 luglio (Reuters) - Il mercato monetario avvia la settimana confermando il trend di progressivo rialzo dei tassi, a riflesso della contrazione dell'eccesso di liquidità nel sistema.

"E' una diretta conseguenza di quello che è successo ai primi di luglio, cioè i mancati rinnovi della liquidità fornita dalla Bce. Questo ha portato a una graduale erosione che in qualche modo viene pagata soprattutto dalle banche medio-piccole che sono su un mercato più ristretto. Ma in generale la motivazione è questa" dice una tesoriere.

Sulla scorta della riduzione dei fondi in eccesso nel sistema continua anche la risalita dei tassi interbancari. L'Euribor a 3 mesi ha raggiunto al fixing odierno lo 0,870%, dallo 0,861% di venerdì, il livello massimo degli 11 mesi.

"I tassi, lo stiamo vedendo tutti, stanno decisamente salendo, la motivazione principale è la stessa, che registra un impatto anche sulle deposit facilities" aggiunge l'operatrice.

Attorno alle 12, l'overnight viaggia attorno a quota 0,50%/0,60%, ma su Mid il livello è più alto, attestandosi a 0,82/1,10%.

L'Eonia è stato fissato venerdì pomeriggio allo 0,556%, in rialzo da 0,488% della seduta precedente.

Prosegue il calo per i fondi depositati a fine giornata dalle banche in Bce, in linea con il trend di riduzione della liquidità in eccesso nel sistema monetario della zona euro.

Secondo le statistiche quotidiane di Francoforte ECB40, i depositi overnight remunerati allo 0,25% ammontavano venerdì sera a 58,550 miliardi di euro da 61,659 miliardi di giovedì.

I prestiti overnight all'1,75% richiesti dalle banche si confermano su valori del tutto trascurabili, attestandosi novamente a 1 milione di euro.

Sulla curva del futures Euribor la scadenza settembre FEIU0 tratta a 98,955 (-0,015), dicembre FEIZ0 a 98,845 (-0,025), mentre marzo 2011 FEIH1 a 98,805 (-0,020). Altri dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.