Manovra, Berlusconi e Tremonti a Regioni: saldi intangibili

mercoledì 7 luglio 2010 17:53
 

ROMA, 7 luglio (Reuters) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il ministro dell'Economia Giulio Tremonti incontreranno venerdì i presidenti delle Regioni, ma avvertono che la manovra è vincolata a saldi che "erano, sono e saranno intangibili".

In una nota di Palazzo Chigi Berlusconi e Tremonti annunciano così la data per il richiesto incontro dei governatori che lamentano di pagare un prezzo troppo alto nella manovra da 25 miliardi di euro varanta dal governo confermando che "sarà oggetto di necessaria e responsabile richiesta di fiducia".

"I saldi della manovra erano, sono e saranno intangibili. Non si tratta infatti di numeri casuali od arbitrari, ma di numeri che riflettono ciò che, tanto dalla Commissione Europea quanto dai mercati finanziari, è considerato assolutamente necessario per ridurre la dinamica incrementale del nostro debito pubblico", si legge nella nota.

Berlusconi e Tremonti dicono ai presidenti delle Regioni, in vista dell'incontro di venerdì, che "ciò che viene rilevato ora come 'squilibrio' a carico dei governi locali va, dunque, valutato in base a ciò che è già stato operato a carico del governo centrale (e non può essere ulteriormente incrementato). Ciò rende oggettivamente impraticabile l'ipotesi di uno spostamento interno alla manovra, da una voce all'altra".