Manovra, anche le Regioni devono fare la loro parte - Bonaiuti

martedì 6 luglio 2010 11:23
 

ROMA, 6 luglio (Reuters) - Anche le Regioni devono fare la loro parte nei tagli previsti dalla manovra 2011-12 visto che negli ultimi anni la loro spesa è aumentata il doppio rispetto alle altre amministrazioni centrali.

Lo ha detto il sottosegretario della presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti in una intervista a La7.

"Anche le Regioni devono fare la propria parte. Su come poi si possano gestire i tagli all'interno della spesa fissata, quello è un compito che rimane riservato alle Regioni", ha detto Bonaiuti.

Il portavoce del governo ricorda poi che "le spese delle Regioni negli ultimi dieci anni sono salite dell'80% rispetto al 40% di cui sono salite le spese dell'amministrazione centrale dello Stato".

Il sottosegretario ha aggiunto che "la commissione Bilancio del Senato sta lavorando, molte modifiche verranno già da lì. Intanto i problemi che riguardavano le imprese, posti dalla [presidente della Confindustria Emma] Marcegaglia e da [il presidente di rete impresa Italia Carlo] Sangalli, ieri sono stati risolti. Ci potranno essere degli aggiustamenti ma sempre nell'ambito del saldo che non si può variare e che è decisamente più accettabile di quello di altri Paesi".

Bonaiuti conclude che "non è vero che la manovra è depressiva".

La relazione tecnica del Tesoro alla manovra dice che nel triennio 2010-12 può causare una minore crescita pari a mezzo punto percentuale.