G20, mondo devono sostenere crescita - Summers (Usa)

giovedì 24 giugno 2010 17:14
 

WASHINGTON, 24 giugno (Reuters) - I leader delle maggiori economie mondiali devono garantire il mantenimento della crescita.

Lo ha detto il consigliere economico della Casa Bianca Lawrence Summers in vista del prossimo incontro del G20 in cui ci si attende che l'Europa si faccia portavoce di una limitazione dei deficit.

In un'intervista con Reuters Insider, Summers ha dichiarato che i paesi dovrebbero concentrarsi sul tentativo di portare le loro economie su un cammino di crescita sicuro che crei posti di lavoro.

Summers ha sottolineato che l'economia si sta ancora riprendendo dalla crisi finanziaria del 2007-2008 e che non è il momento di essere compiaciuti soltanto perché il pericolo sembra meno acuto di un anno fa.

"A quei tempi era ragionevole domandarsi: gli Usa e l'economia globale si riprenderanno? Era ragionevole temere la possibilità di depressione", ha affermato. "Oggi quelle prospettive appaiono molto più remote".

I leader europei hanno esplicitato la loro preferenza per mettere i piani di austerità di bilancio in prima linea alla riunione di questo fine settimana a Toronto tra il presidente Barack Obama e altri leader, preparando il campo a uno scontro di opinioni tra Europa e Stati Uniti.

Summers e il segretario al Tesoro Usa Timothy Geithner questa settimana hanno avvisato che concentrarsi troppo presto sulla riduzione dei deficit potrebbe far ripiombare l'economia globale in una crisi.

Summers ha ammesso che è è importante, nel puntare a una crescita sostenibile, assicurarsi che i paesi perseguano piani di riduzione dei deficit che appaiano credibili ai mercati finaziari.

Tuttavia il consulente ha aggiunto che è fondamentale che i governi prendano misure per spingere la crescita, con l'obiettivo di assicurare che il settore privato sia in una posizione tale da sostenere una ripresa di più lungo termine.