Islanda, banca centrale riduce tasso ufficiale di 50 pb a 8,0%

mercoledì 23 giugno 2010 12:35
 

STOCCOLMA, 23 giugno (Reuters) - Sedlabanki, la banca centrale islandese, ha tagliato stamattina il tasso ufficiale di 50 punti base all'8,0%, una mossa attesa dai mercati in seguito al raffreddamento del tasso di inflazione annuale e alla ripresa della valuta nazionale.

L'economia dell'isola ha sofferto duramente durante la crisi finanziaria globale e le sue banche maggiori sono crollate sotto il peso del debito. A ciò è seguita la fuga degli investitori e il calvario della corona islandese, moneta di Reykjavik.

Ma la corona ha ripreso quota ultimamente, sostenuta dall'afflusso di aiuti internazionali, dai segnali di un'economia nazionale più robusta e dall'incremento delle riserve di Sedlabanki. Quest'ultima ieri ha annunciato che avrebbe preso a prestito dalle linee di credito bilaterali create con Danimarca, Finlandia, Norvegia, Polonia e Svezia fino a 639 milioni di euro, per rimpolpare le proprie riserve.

"Vediamo spazio per ulteriori abbassamenti dei tassi in futuro", ha detto Arvid Bohm, strategist dell'istituto svedese Skandinaviska Enskilda Banken (Seb), che ipotizza un tasso di sconto al 6,5% entro la fine del terzo trimestre, ma si aspetta che la banca centrale islandese arrivi nella propria politica di allentamenti fino a circa il 5,5% nel corso dell'anno.

Il pil islandese è cresciuto dello 0,6% nel primo trimestre sui tre mesi precedenti, registrando su base annua una contrazione del 6,8%, secondo i numeri preliminari visti questo mese.